• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/14793 [Proposta per la realizzazione di un'autostrada da Cuneo a Tallard e Sisteron, in Francia]



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata giovedì 26 aprile 2012
nell'allegato B della seduta n. 626
All'Interrogazione 4-14793 presentata da
ARMANDO DIONISI
Risposta. - In riferimento all'interrogazione in esame, si forniscono i seguenti elementi di risposta.
La provincia di Cuneo, nell'anno 2010, ha trasmesso al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti l'ipotesi di progetto di un nuovo tracciato autostradale internazionale Cuneo-Tallard-Sisteron che avrebbe dovuto saldare la rete autostradale italiana, in particolare l'A3 Asti-Cuneo, con quella francese, A51 a nord di Sisteron in località Tallard.
Tale itinerario, inoltre, avrebbe dovuto prevedere sia l'adeguamento di sedi stradali nazionali come la strada statale 21 sul versante italiano e la D 900 sul lato francese sia la costruzione di una nuova galleria in prossimità delle località Pietraporzio (Italia) e Barcelonnette (Francia) indicata con il nome di «Traforo del Mercantour».
Il costo totale dell'opera era stato stimato, in via preliminare, in quattro miliardi di euro; la provincia aveva giustificato tale investimento con la possibilità di una sua capitalizzazione pari ad otto miliardi di euro, attraverso la gestione del tunnel.
Si segnala, tuttavia, che il tracciato in esame fu a suo tempo ostacolato dalle autorità d'oltralpe, in quanto l'opera, oltre ad attraversare aree ambientali di pregio, avrebbe comportato incrementi di traffico pesante sulle autostrade della Costa azzurra.
Si è optato, pertanto, in favore della realizzazione del nuovo tunnel del colle di tenda, in quanto ritenuto una priorità assoluta in termini di sicurezza stradale e di miglioramento dei collegamenti tra i due Paesi, per cui la richiesta di realizzare il traforo di Mercantour non è stata più accolta.

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti: Corrado Passera.