• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/06678 [Ricognizione di tutte le autorizzazioni di spesa attualmente vigenti destinate al funzionamento del CNSAS]



Atto Camera

Interrogazione a risposta in Commissione 5-06678 presentata da LAURA FRONER
giovedì 26 aprile 2012, seduta n.626
FRONER, QUARTIANI, GNECCHI e MOTTA. - Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro per gli affari regionali, il turismo e lo sport. - Per sapere - premesso che:

il Corpo nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) opera grazie a contributi statali che sono stanziati dalla Presidenza del Consiglio in favore del dipartimento del turismo, da cui il CNSAS dipende;

nel bilancio dello Stato sono tuttora vigenti tre autorizzazioni di spesa per il funzionamento del CNSAS: legge n. 388 del 2000, articolo 145, comma 17; legge n. 289 del 2002, articolo 80, comma 38; legge n. 119 del 2007, articolo 1;

a seguito del trasferimento di competenze in materia di turismo dal Ministero delle attività produttive alla Presidenza del Consiglio dei ministri tutte le autorizzazioni di spesa considerate nel settore «Turismo» sono state ricomprese nel bilancio dello Stato nel capitolo 2107 dello stato di previsioni del Ministero dell'economia e delle finanze, denominato «somme da corrispondere alla Presidenza del Consiglio dei ministri per le politiche di sviluppo e competitività del turismo», e sono peraltro esposte nella tabella C della legge di stabilità;

le riduzioni di tabella C disposte dalle successive manovre per l'esercizio 2012 ammontano a circa il 38,5 per cento;

nel bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri le risorse destinate al funzionamento del CNSAS sono allocate sul capitolo 867: nel bilancio di previsione per il 2011 la dotazione di tale capitolo era pari a 1.061.302 euro; nel bilancio di previsione per il 2012 la dotazione del capitolo 867 viene indicata in 230.275 euro, con una riduzione dell'80,6 per cento rispetto all'esercizio precedente;

tale eccessiva riduzione appariva dovuta ad una errata valutazione delle diverse autorizzazioni di spesa da apporre in bilancio;

la scure sugli stanziamenti ha costretto il CNSAS, a prevedere nel suo bilancio 2012 tagli e riduzioni pesantissime in tutte le voci a cominciare dalla formazione, a fronte di una attività di soccorso alpino che risulta, anche nell'ultima stagione sciistica, in continuo aumento;

nel decreto-legge n. 216 del 2011 convertito, con modificazioni dalla legge n. 14 del 2012 è stato previsto, ma per il solo 2012, un contributo di 250.000 euro destinato al pagamento dell'assicurazione dei volontari del CNSAS e del CAI;

durante la discussione della legge di conversione il Governo ha accolto un ordine del giorno dell'onorevole Quartiani che impegna il Governo «a procedere ad una attenta ricognizione di tutte le autorizzazioni di spesa attualmente vigenti (legge n. 388 del 2000, articolo 145, comma 17; legge n. 289 del 2002), articolo 145, comma 17; legge n. 289 del 2002, articolo 80, comma 38; legge 119 del 2007, articolo 1) destinate al funzionamento del CNSAS, affinché gli uffici della Presidenza del Consiglio - dipartimento del turismo e ufficio del bilancio possano correttamente esporre nel bilancio di previsioni 2012 le risorse allocate sul capitolo 867 -:

se sia stata completata tale ricognizione e quali conseguenti iniziative intenda assumere. (5-06678)