• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/05109-AR/0 ... [Sulla futura gestione del termovalorizzatore di Acerra]



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/5109-AR/62 presentato da RENATO WALTER TOGNI testo di giovedì 19 aprile 2012, seduta n.624

La Camera,
premesso che:
l'articolo 12, ai commi da 8 a 11-ter, reca disposizioni riguardanti l'acquisto da parte della regione Campania del termovalorizzatore di Acerra;
in particolare il comma 8, riproducendo quanto originariamente previsto dal comma 4, dell'articolo 1 del decreto-legge 2/2012 (soppresso dalla legge di conversione n. 28/2012 con un emendamento al Senato), autorizza la regione Campania ad utilizzare le risorse del Fondo per lo sviluppo e coesione (FSC) 2007-2013 relative al Programma attuativo regionale, per l'acquisto del termovalorizzatore di Acerra, ai sensi di quanto disposto dall'articolo 7 del decreto-legge 195/2009 120;
tale articolo 7 stabilisce il trasferimento della proprietà del termovalorizzatore di Acerra entro il 30 giugno 2012 (sulla base del termine fissato da ultimo dall'articolo 1-bis, comma 4, del decreto-legge 2/2012), con una delle modalità seguenti: alla Regione Campania, previa intesa della regione stessa, al Dipartimento della protezione civile, ad un soggetto privato o ad altro ente pubblico anche non territoriale;
le nuove norme prevedono il trasferimento alla stessa Regione Campania delle risorse necessarie, quantificate in 355.550.240,84 euro, e trasferiscono inoltre alla Regione un contributo aggiuntivo di 30 milioni annui per 30 anni, pari al canone di affitto del termovalorizzatore;

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di adottare le iniziative per valutare, ai fini di un bilanciamento economico a favore degli interessi pubblici, tutte le opzioni alternative per la futura gestione del termovalorizzatore di Acerra rivedendo la posizione che obbliga la Regione Campania ad acquistare il termovalorizzatore.
9/5109-AR/62.(Testo modificato nel corso della seduta)Togni, Caparini, Laura Molteni.