• Testo interrogazione in commissione

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/06638 [Sospendere definitivamente i lavori di costruzione della discarica «La Zingara»]



PIFFARI e CIMADORO. - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. - Per sapere - premesso che:
si è appreso da un articolo pubblicato dal sito agoravox.it del dicembre 2010, che la chiusura della discarica «Marrella» di Gioia Tauro provocò i primi disagi nella raccolta dei rifiuti nella Piana. Il governo regionale decise l'apertura di nuove discariche e chiese collaborazione alle amministrazioni comunali. Invito colto immediatamente dall'allora sindaco del comune di Melicuccà, all'interno del quale ricadeva la località «La Zingara», che di fatto, si colloca, tra i comuni di Sant'Eufemia e Bagnara Calabra. Costo dell'operazione per la realizzazione della conca e della bonifica del sito (che contiene una discarica già utilizzata negli anni scorsi): 2.756.518,48 euro. La multinazionale Veolia attraverso una sua controllata (Tec) avrebbe dovuto poi gestire la discarica, destinata ad accogliere il POS (frazione organica stabilizzata);
si è appreso da quanto pubblicato sul sito inquietonotizie.it del febbraio 2012 che il V.F. Mimmo Rositani in seguito ad un lavoro di controllo effettuato direttamente sul campo, ha documentato con un filmato di diversi minuti, la presenza di una falda acquifera sottostante il terreno di costruzione della discarica;
in seguito a sopralluogo effettuato dagli interroganti in data 20 marzo 2012 presso le località interessate, si è potuto constatare il progresso dei lavori per la realizzazione del sito di raccolta dei rifiuti -:
se il Ministro interrogato per quanto di competenza, alla luce di quanto emerso in seguito ai rilevamenti effettuati in relazione alla presenza di una falda acquifera sottostante l'area destinata, non ritenga opportuno adoperarsi, attraverso il Commissario ad acta per il superamento dell'emergenza rifiuti, sospendere definitivamente i lavori di costruzione della discarica «La Zingara».
(5-06638)