• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.9/03194/004 [Sui parcheggi pertinenziali]



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/3194/4 presentato da DANIELA MAZZUCONI
giovedì 29 marzo 2012, seduta n. 702

Il Senato,
esaminato il decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, recante disposizioni urgenti in materia di semplificazione e sviluppo (A.S. 3194),
premesso che:
l'articolo 10 innova le disposizioni in materia di parcheggi previste dalla legge n. 122 del 24 marzo 1989;
tale legge ha sortito il positivo effetto di dotare le nuove edificazioni e gli edifici ristrutturati dei centri abitati, soprattutto quelli delle aree urbane intensamente popolate, di parcheggi pertinenziali, cosa che ha in parte alleggerito il fenomeno di parcheggio casuale in spazi non privati;
l'articolo 41-sexies della legge n. 1150 del 17 agosto 1942 (legge urbanistica), citato nel predetto articolo 10, dispone che: "nelle nuove costruzioni ed anche nelle aree di pertinenza delle costruzioni stesse debbono essere riservate appositi spazi per parcheggi in misura non inferiore ad un metro quadrato per ogni 10 metri cubi di costruzioni" e che: "gli spazi per parcheggi realizzati in forza del primo comma non sono gravati da vincoli pertinenziali di sorta né da diritti d'uso a favore dei proprietari di altre unità immobiliari e sono trasferibili autonomamente da esse";
le convenzioni urbanistiche in essere, che hanno portato nel tempo a concessioni edilizie o a permessi a costruire, contenevano la previsione dei parcheggi a servizio degli immobili edificati e talvolta tali parcheggi, ancorchè di proprietà privata, sono stati realizzati secondo la formula "a scomputo oneri";
impegna il Governo
ad adottare le opportune iniziative affinchè per gli edifici già realizzati venga mantenuta almeno la dotazione minima dei parcheggi cosiddetti pertinenziali;
a far sì che tale dotazione non possa essere ceduta separatamente dall'unità immobiliare alla quale i parcheggi sono legati da vincolo pertinenziale;
ad indicare i modi e le forme per cui eventuali parcheggi in eccedenza rispetto a tale dotazione, realizzati secondo la formula "a scomputo oneri", possano essere trasferiti solo previo risarcimento al comune che ha stipulato la relativa convenzione oppure previo il pagamento degli oneri concessori opportunamente rivalutati.
(numerazione resoconto Senato G10.100)
(9/3194/4)
MAZZUCONI, FERRANTE, DI GIOVAN PAOLO