• Testo mozione

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.1/00980 [Sull'accordo con la Francia per la realizzazione della nuova linea ferroviaria Torino-Lione]



La Camera,
premesso che:
il 20 ottobre 2010 la Camera dei deputati ha approvato all'unanimità quattro mozioni che impegnavano il governo, tra l'altro, a confermare la valenza strategica della realizzazione della nuova linea Torino-Lione (NLTL) come asse decisivo per i collegamenti europei, attraverso l'adozione di tutte le misure e gli atti necessari anche sulla base del lavoro condotto dall'Osservatorio; a garantire un adeguato piano finanziario con programmazione pluriennale che copra l'intero ammontare dell'opera; a confermare i fondi - circa 200 milioni di euro - previsti nel primo atto aggiuntivo all'Intesa Generale Quadro dell'11 aprile 2009, necessari a realizzare gli interventi prioritari di prima fase, e cioè, il trasferimento modale e il potenziamento e ammodernamento del trasporto locale, avviando al contempo iniziative per l'assegnazione di risorse immediate per incentivare il trasporto modale e combinato; ad assumere iniziative per garantire un primo stanziamento per la realizzazione delle opere previste dal piano strategico approvato dalla provincia di Torino e dalla regione Piemonte parallelamente all'avanzamento dell'opera;
nel mese di giugno 2011 nella località di Chiomonte, in Valle di Susa sono iniziati i lavori per l'installazione del cantiere di realizzazione della galleria geognostica, destinata a diventare la «discenderia» della Torino-Lione sul versante italiano;
i lavori nel cantiere proseguono nel pieno rispetto del cronoprogramma, grazie al presidio delle forze dell'ordine che con efficacia e senso di responsabilità fino ad oggi hanno respinto gli attacchi condotti da frange minoritarie violente del movimento No Tav;
il 3 agosto 2011 il CIPE ha approvato il progetto preliminare della nuova linea ferroviaria Torino-Lione, progetto che prevede il cosiddetto «fasaggio», ovvero la realizzazione per fasi dell'infrastruttura, con un rilevante risparmio sui costi. Si prevede, infatti, la realizzazione del tunnel di base, della stazione internazionale di Susa e l'interconnessione con la linea storica da Bussoleno ad Avigliana, rinviando in questo modo per alcuni anni i lavori di realizzazione del tunnel dell'Orsiera, nonché tutti gli interventi relativi al «nodo» di Torino (interconnessione con l'interporto di Orbassano, la gronda merci di Corso Marche, il sistema ferroviario metropolitano);
nel mese di settembre 2011 si è svolta la riunione del comitato intergovernativo tra Italia e Francia per la firma del nuovo accordo internazionale sulla ripartizione delle spese, con la riduzione della quota a carico dell'Italia dal 63 al 60 per cento con la ratifica di tale accordo tutte le condizioni richieste dalla Comunità europea saranno rispettate;
entro il 31 dicembre 2013 è prevista la conclusione dell'iter di approvazione del progetto definitivo, con un'ulteriore valutazione di impatto ambientale, così da consentire l'apertura del cantiere entro il mese di novembre del 2013,


impegna il Governo:


ad assumere tutte le iniziative necessarie per dare attuazione all'Accordo tra il Governo italiano e quello francese, nel quadro della programmazione europea della rete «connecting europe» per la realizzazione e l'esercizio della sezione transfrontaliera della nuova linea ferroviaria Torino-Lione, (compresi i nodi di St. Jean de Maurienne e di Susa con le relative stazioni internazionali passeggeri vocate al turismo);
considerato che per l'attuazione del succitato Accordo, firmato a Roma il 30 gennaio 2012, il Governo ha manifestato

l'intenzione di presentare nel più breve tempo possibile un apposito disegno di legge di ratifica;
a dare concreta attuazione alle misure di inserimento territoriale e ambientale della linea (a partire dai cantieri di Chiomonte e di Susa) utilizzando le risorse previste dalla legislazione nazionale in conto compensazioni per finanziare un piano organico di interventi di accompagnamento alle comunità locali che, partendo dal piano strategico della provincia di Torino ed utilizzando anche le opportunità offerte dalla legge regionale n. 4 del 2011 (Legge Cantieri - sviluppo e territorio) individui, attraverso il lavoro istruttorio dell'osservatorio, un quadro di priorità operative per l'allocazione delle risorse secondo un criterio di proporzionalità tra impatti subiti e benefici erogati;
considerato altresì che tali interventi integrano quelli previsti per il nodo Torino nell'Accordo Stato-Regione del 28 giugno 2008 e dall'Atto aggiuntivo del 23 gennaio 2009 per il miglioramento del servizio ferroviario passeggeri, con particolare riferimento al servizio ferroviario metropolitano la cui linea FM3 interessa la direttrice della Valle di Susa e per l'avvio di misure di sostegno del riequilibrio modale nel settore delle merci ed il potenziamento della logistica con riferimento ai primi lotti operativi della realizzanda Piattaforma di Orbassano;
a reperire, in tempo utile, gli ulteriori fondi necessari finalizzati agli interventi di accompagnamento e inserimento della nuova linea Torino-Lione, con particolare riferimento alla sezione transfrontaliera e ai comuni sede di cantiere.
(1-00980)
«Esposito, Osvaldo Napoli, Allasia, Delfino, Toto, Misiti, Alessandri, Marmo, Aracu, Bernardo, Bertolini, Bianconi, Bitonci, Boccuzzi, Bonino, Bragantini, Buonanno, Calgaro, Callegari, Cambursano, Caparini, Cavallotto, Chiappori, Ciccanti, Cicu, Cilluffo, Comaroli, Compagnon, Consiglio, Crosio, D'Amico, Dal Lago, Della Vedova, Di Biagio, Di Vizia, Dozzo, Dussin, Fabi, Fallica, Fava, Fedriga, Fiano, Fiorio, Fogliato, Follegot, Gregorio Fontana, Fugatti, Galletti, Ghiglia, Gidoni, Goisis, Grimaldi, Grimoldi, Iapicca, Isidori, Laffranco, Lanzarin, Libè, Lucà, Lussana, Maggioni, Maroni, Marsilio, Martini, Mereu, Giorgio Merlo, Meroni, Miccichè, Molgora, Laura Molteni, Nicola Molteni, Montagnoli, Munerato, Naro, Negro, Occhiuto, Paolini, Pastore, Pianetta, Picchi, Pini, Pittelli, Polledri, Porcino, Portas, Proietti Cosimi, Pugliese, Rainieri, Reguzzoni, Rivolta, Rondini, Rossomando, Saltamartini, Santelli, Scanderebech, Simonetti, Soglia, Stagno d'Alcontres, Stefani, Stucchi, Tassone, Terranova, Togni, Torazzi, Vanalli, Vernetti, Volontè, Volpi, Moffa, Damiano».