• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/05025/055 [Individuare politiche attive di attenuazione della crisi del settore automobilistico]



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/5025/55 presentato da SILVIA VELO testo di giovedì 22 marzo 2012, seduta n.609

La Camera,
premesso che:
il provvedimento in esame contiene, all'articolo 17 disposizioni dirette a promuovere, nel settore della distribuzione di carburanti, lo sviluppo di operatori indipendenti ed impianti multimarca, agendo anche sulla diversificazione delle tipologie contrattuali che legano produttori e distributori, e puntando a favorire una più generale liberalizzazione delle attività svolte dai gestori di impianti di distribuzione carburanti;
tali norme dovrebbero contribuire, nel medio termine, anche a limitare gli ingiustificati aumenti del prezzo dei carburanti per gli automobilisti e gli altri utenti della strada;
il successivo articolo 34, inoltre, che introduce l'obbligo per gli intermediari che offrono servizi e prodotti r.c. auto e natanti di informare il cliente sulla tariffa e sulle altre condizioni contrattuali proposte da almeno tre compagnie assicurative non appartenenti ai medesimi gruppi, è finalizzato ad assicurare la concorrenza fra le imprese assicuratrici al medesimo fine di contenere i prezzi delle polizze assicurative per i cittadini;
l'aumento del costo del carburante alla pompa insieme a quelli delle polizze assicurative e delle imposte dirette e indirette che gravano su acquisto, proprietà e circolazione dei veicoli hanno contribuito ulteriormente a frenare la domanda e innescare nuovi fenomeni quali l'estero vestizione dei veicoli e l'intestazione fittizia, tesi ad eludere l'elevata tassazione vigente con grave danno per l'Erario e per il mercato interno;
da molti mesi, infatti, è ormai costante nel nostro Paese il calo delle vendite di ogni tipo di veicolo, il mercato dell'auto, come dimostrano i dati delle immatricolazioni di febbraio, è tornato a livelli di quello degli anni ottanta con un crollo della domanda che non ha precedenti;
la mancata applicazione della nuova tassazione IPT sui veicoli da parte delle Province autonome di Trento e Bolzano, malgrado la previsione dell'articolo 28, comma 11-bis del DL 201/2011 convertito dalla legge 214/2011, continua ad attirare oltre che le grandi flotte, anche commercianti e rivenditori che dichiarano l'apertura di sedi secondarie in quelle realtà;
il comparto dell'automotive è costituito da migliaia di piccole e medie imprese che occupano oltre 1.200.000 addetti,

impegna il Governo

ad avviare un tavolo di confronto con le organizzazioni di rappresentanza dell'Automotive per individuare politiche attive di attenuazione della crisi del settore, con misure che promuovano l'acquisto di auto a basso tasso di emissioni inquinanti da parte delle famiglie e dei giovani, migliorino l'accesso al credito di automobilisti e imprese, comprese quelle del settore, rafforzino la regolamentazione del comparto in chiave anti-elusiva e realizzino un riordino della fiscalità automobilistica.
9/5025/55.Velo.