• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/14757 [Garantire la visibilità della lapide di Saverio Papandrea a Vibo Valentia]
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



MINNITI. - Al Ministro per i beni e le attività culturali, al Ministro dell'interno, al Ministro della difesa. - Per sapere - premesso che:
nel centro cittadino di Vibo Valentia, in piazza Garibaldi, accanto a palazzo Gagliardi, si trova la lapide del partigiano Saverio Papandrea, posta a futura memoria per ricordare il valore ed il sacrificio del partigiano vibonese «a difesa della libertà e contro le dittature»;
il partigiano Saverio Papandrea, seppur giovanissimo, sacrificò la sua vita entrando nelle formazioni partigiane del Canavese e morì a soli 23 anni nel 1943

combattendo valorosamente, nella 18° brigata della II divisione Garibaldi sulle montagne di Marzabotto contro il nazifascismo;
ricevette la medaglia d'oro al valor militare alla memoria, la massima onorificenza per chi ha combattuto per la nostra patria con la seguente motivazione: «Partigiano fin dall'inizio della lotta di Liberazione, durante un violento attacco nemico protrattosi per più giorni, visto il suo battaglione accerchiato da soverchianti forze naziste, conscio del pericolo cui andava incontro, si offriva di proteggerne il ripiegamento. Spostata la sua mitragliatrice in posizione più favorevole, apriva larghi vuoti nelle file nemiche, consumava fino all'ultima cartuccia e, sopraffatto, anziché arrendersi, si lanciava in un sottostante burrone, avvinghiato in un supremo abbraccio alla sua arma indivisibile. Fulgida figura di combattente eroico, il cui sacrificio ha salvato la vita a numerosi compagni»;
la lapide di Saverio Papandrea ha in sé un forte significato di carattere simbolico per la memoria fondativa della storia nazionale repubblicana, oltre ché un indiscutibile valore storico e monumentale;
attualmente, purtroppo, la possibilità di commemorare e di rendere il giusto tributo alla lapide di Saverio Papandrea è stata inspiegabilmente lesa, in quanto la stessa è stata coperta integralmente da un gazebo costruito da un ristorante vibonese (in seguito ad una concessione comunale degli uffici competenti rilasciata evidentemente senza operare i dovuti approfondimenti del caso);
la lapide, nonostante l'indignazione e le vibranti sollecitazioni dell'Associazione nazionale partigiani d'Italia, di tanti vibonesi e di tanti italiani venuti a conoscenza della cosa, non è stata ancora resa visibile e restituita alla memoria ed alle possibilità di commemorazione collettiva e individuale -:
se i Ministri interrogati siano a conoscenza dell'oltraggio consumato alla memoria di un combattente per la libertà, fulgido esempio di generosità disinteressata verso il bene comune;
quali iniziative intendano attivare, nelle sedi appropriate e ciascuno per gli ambiti di propria competenza, per restituire alla memoria condivisa di un popolo ed alla cittadinanza la piena visibilità della lapide di Saverio Papandrea.
(4-14757)