• Testo interrogazione a risposta orale

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/01977 [Gestione dell'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca ]



NUNZIO FRANCESCO TESTA, GALLETTI, CAPITANIO SANTOLINI, CARLUCCI, ENZO CARRA, BINETTI, COMPAGNON, CICCANTI, NARO e VOLONTÈ. - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. - Per sapere - premesso che:
negli ultimi anni sono stati introdotti, con la riforma del sistema universitario, il riordino degli enti di ricerca e, con la costituzione e l'avvio operativo dell'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur), innovazioni potenzialmente valide per lo sviluppo del sistema;
le riforme citate sono, però, state realizzate a livello legislativo senza l'aggiunta di risorse (a costo zero), in costanza di una riduzione delle risorse disponibili (tagli) e con meccanismi complessi che richiedono l'adozione di numerosi atti secondari ancora in corso di definizione;
dopo anni di attesa nel 2011 l'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca è finalmente diventata operativa;
la complessità delle norme introdotte in relazione alla valutazione e al suo utilizzo potrebbe richiedere correttivi mirati alla legislazione per favorire la semplificazione dei meccanismi e la loro concreta efficacia;
sono state create aspettative nei giovani e nel sistema, in particolare sul fronte della valutazione, del merito e della responsabilità;
desta preoccupazione la grande quantità di azioni che la nuova agenzia dovrebbe compiere con numerose competenze e un impatto decisivo, anche sull'allocazione mirata delle risorse destinate al finanziamento ordinario di università ed enti di ricerca in un quadro normativo ancora incompleto;
la complessità della normativa, non sempre ben coordinata, rischia di creare ostacoli e richiederebbe un attento monitoraggio, al fine di apprestare strumenti correttivi che assicurino l'efficacia di principi che rischiano altrimenti di rimanere solo sulla carta, come già accaduto in passato. Meccanismi che, se gestiti male, potrebbero addirittura danneggiare i sistemi già fortemente provati dalle riforme e dai tagli;
l'impegno assunto dalle istituzioni con i giovani impegnati nel mondo universitario e della ricerca impone che si creino i presupposti per favorire, anche in un momento grave per la situazione economica globale, tutti gli strumenti per rendere concreta la meritocrazia nelle carriere e per l'allocazione mirata al merito delle risorse -:
quali azioni il Ministro interrogato intenda intraprendere per assicurare la «sostenibilità» normativa e finanziaria delle competenze attribuite all'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca e un rapido ed equilibrato sviluppo dei processi di valutazione.
(3-01977)