• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/13465 [Potenziamento dell'ospedale di Pavullo nel Frignano]



BERTOLINI. - Al Ministro della salute. - Per sapere - premesso che:
l'ospedale di Pavullo nel Frignano (Modena), collocato geograficamente e logisticamente al centro dell'Appennino Tosco-Emiliano, serve un territorio di 700 chilometri quadrati ed una popolazione di oltre 40mila abitanti;
tale struttura è di fondamentale importanza per la popolazione montana e per i servizi erogati e, di fatto, è un ospedale d'area alla pari di quello di Sassuolo, di quello di Carpi e dei due ospedali modenesi, il policlinico e Baggiovara;
il PAL (piano attuativo locale) 2010-2013 della provincia di Modena classifica, però, l'ospedale di Pavullo come «ospedale di prossimità», rendendolo subalterno a quello di Sassuolo, con la conseguenza che verrebbero cancellati sia i servizi che le funzioni sanitarie essenziali non solo di

soccorso, ma anche di base, necessarie per Pavullo e per tutto il territorio montano;
tale cambiamento lascerebbe sguarnito l'intero territorio montano, arrecando gravi disagi all'utenza, perché costringerebbe i malati a percorrere numerosi chilometri di strade spesso disagiate, prima di poter raggiungere un ospedale, con gravi rischi per la salute e per la loro stessa vita;
questa scelta programmatica porterebbe un grave squilibrio nella rete sanitaria della provincia di Modena, perché si avrebbero tre grandi strutture di emergenza (Sassuolo-Baggiovara-Policlinico) concentrate in un'area geograficamente ridotta, aumentando le criticità dell'assistenza sul territorio;
la popolazione locale chiede che siano garantiti i servizi essenziali dall'ospedale di Pavullo quali il potenziamento del pronto soccorso, un servizio di cardiologia, il mantenimento del reparto di ostetricia e ginecologia e di quello di geriatria -:
se sia a conoscenza di tale situazione;
se sia in possesso di ulteriori informazioni in merito;
se non ritenga di verificare urgentemente se, a seguito di tali ipotesi siano compromessi i livelli essenziali di assistenza nella provincia di Modena.
(4-13465)