• Testo interrogazione in commissione

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/05437 [Prorogare il termine ultimo per comunicare le variazioni catastali fini del riconoscimento del requisito di ruralità degli immobili]



CALLEGARI e MAGGIONI. - Al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che:
l'articolo 7, comma 2-bis, del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106, innovando la normativa relativa al riconoscimento della ruralità degli immobili, ha introdotto la possibilità, per i soggetti titolari di fabbricati rurali iscritti in catasto in categorie diverse dalla A/6 per gli immobili ad uso abitativo o dalla D/10 per gli immobili ad uso strumentale, di presentare, all'Agenzia del territorio, una domanda di variazione catastale finalizzata all'attribuzione di una delle due suddette categorie, e dunque al conseguente riconoscimento della ruralità degli immobili stessi ai sensi all'articolo 9 del decreto-legge n. 557 del 1993;
lo stesso decreto-legge n. 70 del 2011 stabilisce inoltre che la domanda di variazione catastale, nonché l'autocertificazione attestante che l'immobile di cui si richiede l'attribuzione delle suddette categorie catastali possiede, in via continuativa a decorrere dal quinto anno antecedente a quello di presentazione della domanda, i requisiti di ruralità, devono essere presentati entro il 30 settembre 2011, e demanda poi ad un successivo decreto ministeriale le modalità applicative e la documentazione necessaria ai fini della presentazione e della convalida della certificazione medesima;
il suddetto decreto ministeriale è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 21 settembre 2011, quindi solo 9 giorni prima della scadenza del termine di presentazione delle domande di variazione catastale, e la mancata comunicazione della variazione entro il 30 settembre comporterà il pagamento dell'Ici sui fabbricati rurali e l'obbligo dell'indicazione sulla dichiarazione dei redditi, con conseguente aggravio dei costi per le moltissime aziende agricole che si trovano nell'impossibilità, stante i tempi così ristretti, di adempiere agli obblighi di comunicazione e certificazione previsti -:
di quali elementi disponga il Governo in relazione ai fatti esposti in premessa e se non ritenga opportuno valutare con urgenza l'opportunità di assumere iniziative per prorogare di almeno 30 giorni il termine ultimo per comunicare le variazioni catastali fini del riconoscimento del requisito di ruralità degli immobili.
(5-05437)