• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/05900 [garantire che i cittadini affetti da patologie croniche, invalidanti e rare possano godere delle esenzioni anche per prestazioni avanzate e complete]



BAIO - Al Ministro della salute - Premesso che:

i livelli essenziali di assistenza (LEA) sono costituiti dai servizi e dalle prestazioni garantiti dal Servizio sanitario nazionale (SSN) su tutto il territorio, individuati sulla base dei principi di effettiva necessità assistenziale, di efficacia e di appropriatezza della cura;

il decreto ministeriale n. 329 del 1999, e successive modifiche ed integrazioni, individua 56 condizioni e malattie, rientranti nell'ambito delle affezioni croniche e invalidanti, coperte dall'esenzione a carico del SSN e il decreto ministeriale n. 279 del 2001 individua, ai fini dell'esenzione, 284 malattie e 47 gruppi di malattie rare;

l'esenzione per una malattia cronica dà diritto a ricevere gratuitamente le prestazioni specialistiche individuate nel decreto n. 329, necessarie al trattamento della malattia, al controllo della relativa evoluzione e alla prevenzione dei peggioramenti;

la procedura di riconoscimento del diritto all'esenzione dalla spesa sanitaria è di competenza dell'Asl di residenza dell'assistito, che rilascia la tessera di esenzione recante la definizione della malattia, il relativo codice identificativo e le cure poste a carico del SSN;

sono previste esenzioni per patologia a validità illimitata ed esenzioni a validità temporalmente limitata, a seconda del tipo di malattia di cui sia affetto il cittadino-paziente e la normativa di settore concretamente vigente nelle Regioni di pertinenza;

per prenotare le analisi e i controlli usufruendo dell'esenzione, è necessaria la prescrizione del medico generico, sulla quale devono essere scritte le prime tre cifre del codice della patologia, indicato sulla tessera di esenzione;

considerato che:

secondo i dati Istat più recenti, il 45,6 per cento della popolazione al di sopra dei 6 anni risulta affetta da almeno una malattia cronica: si tratta di circa 25 milioni di persone, di cui 8,1 milioni risultano affetti, contemporaneamente, da tre o più malattie croniche;

l'approccio terapeutico e diagnostico è in costante evoluzione e grazie ai progressi raggiunti in campo scientifico e tecnologico, vengono immesse sul mercato nuove apparecchiature dotate di una maggiore capacità di risoluzione e vengono introdotti nuovi esami diagnostici che consentono cure più appropriate;

la validità illimitata di alcune esenzioni per patologia può comportare, di fatto, l'impossibilità di aggiornare gli esami indicati nella tessera di esenzione alle tecniche diagnostiche più avanzate affermatesi in campo medico-scientifico;

nel senso di cui sopra, si pensi all'eco-color doppler, una metodica diagnostica più avanzata rispetto all'ecocardiografia semplice che, grazie alla tecnica utilizzata, consente una diagnosi più puntuale delle malattie cardiovascolari;

a notizia dell'interrogante, l'indicazione sulla tessera di esenzione della dicitura "ecografia cardiaca ecocardiografia" ha comportato l'impossibilità per taluni pazienti di poter godere dell'esenzione dal ticket per l'eco -color doppler e la parallela difficoltà per questi ultimi di reperire quelle strutture ospedaliere in possesso delle vecchie apparecchiature necessarie per eseguire l'ecocardiografia semplice;

proprio per ovviare a simili inconvenienti, a notizia dell'interrogante, alcune strutture ospedaliere, non essendo più in possesso degli apparecchi necessari per effettuare l'ecocardiografia semplice, hanno provveduto ad effettuare l'eco-color doppler, prescindendo dalla dicitura indicata nella tessera di esenzione,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza del fatto che gli esami clinici indicati in alcune tessere di esenzione per patologia non sono aggiornati nel tempo, comportando l'impossibilità per il paziente di godere dell'esenzione per prestazioni dotate di maggiore risoluzione diagnostica e terapeutica;

quali urgenti misure intenda adottare per garantire che, su tutto il territorio nazionale, i cittadini pazienti affetti da patologie croniche, invalidanti e rare possano godere dell'esenzione alla partecipazione alla spesa sanitaria anche per quelle prestazioni più avanzate e complete introdotte in campo sanitario, a prescindere dalla dicitura indicata nella tessera di esenzione, come nella fattispecie citata in premessa dell'eco-color doppler a fronte dell'indicazione della semplice ecocardiografia, stante la configurabilità non di un nuovo esame, ma di un miglioramento strutturale utile per la diagnostica cardiologica;

se non ritenga opportuno e urgente predisporre, con gli strumenti di propria competenza, un meccanismo di aggiornamento automatico delle diciture indicate nelle tessere di esenzione relative alle ecocardiografie semplici, consentendo ai pazienti di beneficiare dell'esenzione dal ticket anche per l'eco-color doppler, senza che a tal fine sia necessario provvedere ad una modifica materiale di tali documentazioni;

se non ritenga opportuno ed urgente predisporre, con gli strumenti di propria competenza, un meccanismo di aggiornamento automatico delle diciture indicate nelle tessere di esenzione per patologia a tutti quegli esami clinici le cui apparecchiature siano superate da strumenti più avanzati o che subiscano modifiche terminologiche implicanti un miglioramento diagnostico.