• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/04612/084 [Copertura assicurativa del personale medico e sanitario]



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/4612/84 presentato da BENEDETTO FRANCESCO FUCCI testo di mercoledì 14 settembre 2011, seduta n.518

La Camera,
premesso che;
il comma 5, lettera c), dell'articolo 3, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, prevede che il professionista è tenuto a stipulare idonea assicurazione per i rischi derivanti dall'esercizio dell'attività professionale, a tutela del cliente. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza stipulata per la responsabilità professionale e il relativo massimale. Le condizioni generali delle polizze assicurative di cui al presente comma possono essere negoziate, in convenzione con i propri iscritti, dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti;
in sede applicativa del citato comma 5, lettera e), dell'articolo 3, potrebbero sorgere conseguenze molto negative per alcune categorie di professionisti, in particolare come i giovani medici, con specializzazioni più rischiose, dal punto di vista della responsabilità professionale, come la chirurgia, la ginecologia, l'ostetricia, l'ortopedia, l'anestesia ecc. e di conseguenza sui pazienti e sugli utenti del Servizio sanitario nazionale;
è noto il problema della copertura assicurativa del medico, emerso da tempo, a causa delle alte polizze assicurative, basate sul calcolo del rischio elevato per la crescita dei casi di malasanità e di denunce nei confronti del personale medico e sanitario, oltre che delle strutture sanitarie;
ad essere colpiti e danneggiati maggiormente dall'obbligo di polizza assicurativa per la responsabilità medica, saranno gli 8 mila medici precari che in gran parte lavorano nel sistema emergenza-urgenza senza garanzie e con redditi più bassi e tutti i giovani medici che se pur non precari, non riuscirebbero a coprire i costi della polizza con lo stipendio percepito,

impegna il Governo

a dare corretta attuazione delle disposizioni di cui al citato comma 5, lettera e), dell'articolo 3, nel senso che vengano individuati urgentemente dei meccanismi di tutela nei confronti del personale medico e sanitario, per ciò che concerne la copertura dei costi delle polizze assicurative richieste, affinché il funzionamento del Sistema sanitario nazionale, e il rapporto medico/paziente vengano preservati dalle criticità segnalate.
9/4612/84.Fucci.