• Testo interrogazione a risposta orale

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/01812 [Verifica sulle indagini in relazione ad un episodio di ritenuta estorsione ai danni del Presidente del Consiglio]



COSTA, CONTENTO e SISTO. - Al Ministro della giustizia. - Per sapere - premesso che:
come noto, la procura della Repubblica presso il tribunale di Napoli sta svolgendo indagini in relazione ad un episodio di ritenuta estorsione ai danni del Presidente del Consiglio; nelle ultime ore, si sono verificati alcuni episodi che destano sconcerto;
le agenzie di stampa hanno riportato le dichiarazioni rese dal procuratore capo di Napoli Lepore alla trasmissione «24 mattino», su radio 24; tra di esse meritano, a parere degli interroganti, di essere citate integralmente le seguenti: «la memoria difensiva non basta, perché è una versione unilaterale, vanno fatte le domande e ci sono fatti specifici da contestare...»; «Berlusconi è parte lesa, non indagato. Naturalmente se lui desse una versione che contrasta con alcuni elementi obiettivi che abbiamo a disposizione, allora bisogna che una delle due posizioni prevalga sull'altra»;
a ciò si aggiunga che, stando alle rivelazioni dei mezzi di informazione i sostituti procuratori incaricati dell'inchiesta - in vista dell'audizione del Presidente del Consiglio - avrebbero proceduto all'assunzione di informazioni nei confronti dei difensori di un indagato, i quali risulterebbero essere stati obbligati a rispondere in quanto «sollevati» dal segreto professionale - pur opposto - in virtù di un decreto adottato dalla stessa procura e tanto benché a norma dell'articolo 200 del codice di rito penale solo il giudice può ordinare, svolti i necessari accertamenti, che il testimone/avvocato deponga, allorché abbia motivo di dubitare della fondatezza della dichiarazione di volersi avvalere del segreto professionale;
se quest'ultima circostanza risultasse confermata, ci si troverebbe di fronte, a parere degli interroganti, ad una palese violazione del diritto di difesa finalizzata a raccogliere, travolgendo le regole processuali, ma in sintonia con le dichiarazioni del procuratore capo di Napoli, «fatti specifici da contestare» alla vittima del reato rendendo lecito il dubbio che in concreto le indagini siano orientate contro il Presidente del Consiglio -:
se, alla luce delle circostanze indicate, non ritenga opportuno disporre

un'ispezione presso i competenti uffici giudiziari al fine di verificare l'accaduto e di accertare eventuali responsabilità.
(3-01812)