• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/11579 [Mancata autorizzazione per l'istituzione dell'indirizzo musicale presso l'istituto «Laura Bassi» di Bologna. ]



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata martedì 6 settembre 2011
nell'allegato B della seduta n. 513
All'Interrogazione 4-11579 presentata da
DONATA LENZI
Risposta. - Nell'interrogazione in esame l'interrogante lamenta la mancata istituzione, per l'anno scolastico 2011-2012, di una sezione di liceo musicale a Bologna e, al riguardo, chiede di conoscere i criteri utilizzati dal Ministero per autorizzare l'attivazione dei licei musicali nonché «le ragioni che hanno indotto a non concedere l'avvio del suddetto indirizzo presso l'istituto "Laura Bassi" di Bologna».
Si premette che il Ministero, con nota n. 955 dell'11 febbraio 2011, ha fornito indicazioni per le iscrizioni alle prime classi dei licei musicali e coreutici ed ha contestualmente attribuito agli uffici scolastici regionali competenti per territorio la determinazione dell'attivazione dei predetti licei, subordinandola alla verifica della compatibilità con le risorse organiche disponibili.
Per quello che riguarda, in particolare, l'Emilia-Romagna, la competente direzione generale dell'ufficio scolastico regionale, con nota del 9 maggio 2011, ha fatto presente quanto segue.
L'ufficio scolastico regionale ha a suo tempo informato le istituzioni interessate (Conferenza regionale per il sistema formativo e assessorato scuola) circa il fatto che, con le dotazioni organiche disponibili, si sarebbe potuto attivare solamente il liceo musicale di Forlì in considerazione dell'impegno finanziario espresso dagli enti locali che consente un consistente risparmio con riferimento alla distribuzione delle dotazioni organiche. Tale posizione è stata peraltro assunta in continuità con quanto realizzato in altri territori della regione, in diverse contingenze, per la progressiva statalizzazione delle scuole paritarie o per l'ampliamento dell'orario di funzionamento delle sezioni di scuola dell'infanzia, attivate dallo Stato per il solo orario antimeridiano.
Ad illustrazione del percorso seguito, la direzione scolastica regionale ha così riassunto la successione degli atti formali che l'ufficio ha compiuto, anche d'intesa con la regione Emilia-Romagna, nel rispetto delle specifiche competenze istituzionali.
In data 10 gennaio 2011 si è svolto un incontro di carattere tecnico, preparatorio alla Conferenza regionale per il Sistema formativo dell'11 gennaio 2011, avente come ordine del giorno la programmazione territoriale dell'offerta formativa per l'anno scolastico 2011-2012. Nel corso dell'incontro sono state esaminate le richieste di nuovi indirizzi, ivi comprese quelle di attivazione di licei musicali e si è evidenziato che la richiesta della provincia di Forlì-Cesena, in una logica di governance, era supportata da un consistente impegno finanziario degli enti locali. Tale condizione - che ha reso l'avvio del liceo musicale di Forlì maggiormente compatibile con la dotazione organica disponibile - non era presente nelle altre richieste.
L'ufficio scolastico regionale ha quindi espresso il parere di considerare in via prioritaria l'attivazione del liceo musicale a Forlì, tenendo conto delle dotazioni organiche disponibili.
Nella Conferenza regionale del sistema formativo dell'11 gennaio 2011, la regione Emilia-Romagna ha informato della volontà di attivazione di tre licei musicali (Modena, Bologna, Forlì). Nell'occasione l'ufficio scolastico (nota a verbale) si è espresso «favorevolmente per l'istituzione del liceo coreutico a Reggio Emilia, per l'unicità a livello regionale della proposta, e del liceo musicale di Forlì per il coinvolgimento delle risorse e degli intenti del territorio».
In data 11 febbraio 2011, con la sopra menzionata nota n. 955, il Ministero ha fornito indicazioni alle direzioni scolastiche regionali per le iscrizioni ai licei musicali e coreutici, specificando che gli uffici scolastici regionali hanno il compito di verificare «la compatibilità dell'attivazione di nuove sezioni di liceo musicale e coreutico con le risorse di organico assegnate».
In data 16 marzo 2011, con nota n. 6307, l'assessorato scuola della regione Emilia-Romagna è stato dall'ufficio scolastico regionale informato delle citate indicazioni ministeriali e del fatto che - valutata la congruità con le risorse di organico - si sarebbe proceduto con l'attivazione del solo liceo musicale di Forlì «per l'ampiezza delle risorse rese disponibili dal territorio», chiedendo in merito le osservazioni della regione.
L'assessore alla scuola della regione Emilia-Romagna ne ha preso atto, sia pure con riserva, con nota prot. 76100 del 24 marzo 2011.
In data 25 marzo 2011, con nota n. 8819, l'ufficio scolastico regionale ha dato comunicazione al ministero del fatto che «sentito il competente assessorato regionale, è stato valutato di attivare per il prossimo anno scolastico 2011-2012 i seguenti nuovi licei: liceo coreutico presso il liceo Matilde di Canossa di Reggio Emilia e liceo Musicale presso il liceo artistico di Forlì».
In data 7 aprile 2011, con nota n. 9618, la Direzione scolastica regionale ha comunicato agli uffici degli ambiti territoriali dell'Emilia-Romagna l'istituzione del liceo coreutico a Reggio Emilia e del liceo musicale a Forlì. In precedenza era stata resa nota agli uffici degli ambiti territoriali di Bologna e Modena la non attivazione dei licei musicali, con richiesta di immediata informazione ai dirigenti scolastici interessati, per la gestione degli atti di competenza.
In data 11 aprile 2011, con nota n. 9797, la direzione scolastica regionale ha assegnato agli uffici territoriali le dotazioni organiche del personale docente per l'anno scolastico 2011-2012, da cui trarsi, tra gli altri, gli organici del liceo coreutico e del liceo musicale istituiti.
Nella suddetta comunicazione del 9 maggio 2011, la direzione scolastica regionale ha anche sottolineato di avere rispettato il principio di compatibilità con le risorse di organico assegnate ai diversi ambiti provinciali.
Come comunicato dalla direzione scolastica regionale con nota del 7 giugno 2011, sono poi intervenuti gli impegni finanziari assunti il 18 maggio 2011 dal comune di Modena, in collaborazione con la Fondazione cassa di risparmio di Modena ed altri soggetti istituzionali del territorio, a sostegno dell'avvio del liceo musicale a Modena. La direzione scolastica, preso atto di detti impegni, ha positivamente valutato la richiesta di istituzione di un liceo musicale a Modena. Pertanto, essendosi realizzate le necessarie condizioni di avvio, l'ufficio scolastico regionale, con decreto n. 87 del 28 giugno 2011, ha disposto l'istituzione del liceo musicale presso l'Istituto «Sigonio» di Modena.
Infine, la direzione scolastica regionale ha fatto presente che non sussistono le condizioni per analoghe valutazioni riferite al territorio di Bologna.

Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca: Mariastella Gelmini.