• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/12956 [Carenza di risorse per le scuole del Veneto]



BITONCI e GOISIS. - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. - Per sapere - premesso che:
il dirigente scolastico provinciale di Padova e Treviso, professoressa Maria Giuliana Bigardi, ha recentemente precisato con una sua nota come la situazione del sistema scuola in Veneto sia in grande sofferenza. Non si tratterebbe di una situazione limitata alle sole province di Padova e Treviso, ma si estenderebbe a tutta la regione Veneto;
in particolare, per la scuola secondaria di I grado, le risorse non sarebbero sufficienti, con conseguente riduzione di insegnanti a fronte di un aumento di studenti (per la provincia di Padova 250 in più);
per la scuola dell'infanzia, sempre per la provincia di Padova, ci sono 5882 bambini e sono state chieste 8 sezioni in aggiunta pari a 16 insegnanti, ne sono state concesse solo 3. La situazione della scuola dell'infanzia è particolarmente delicata visti i tagli ai contributi statali alle scuole paritarie e la conseguente crisi del sistema;
la scuola primaria ha ormai ridotto di molto le proprie risorse ed è spesso incapace di garantire i servizi di tempo scuola richiesti dai genitori; infatti il tempo normale di 27 ore settimanali per le 1a, 2a e 3a classi non soddisfa l'esigenza espressa nella quasi totalità delle classi di avere un tempo normale di 30 ore settimanali con rientri in 2 o 3 pomeriggi con servizio di mensa;
dal punto di vista economico, si registra un sensibile recupero dei posti di lavoro con un nuovo afflusso di extra comunitari. Ciò comporta in alcune aree del territorio veneto un affollamento delle classi, con conseguenti problemi di organico e strutture -:
come si intenda far fronte a un simile fenomeno, considerando anche le specifiche esigenze formative dei bambini migranti;
dove siano state concentrate le maggiori risorse e se si intenda effettuare una verifica in tal senso per un'equa distribuzione degli organici che rispetti le diverse realtà territoriali e risponda adeguatamente alle richieste dell'utenza.
(4-12956)