• Testo interrogazione in commissione

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/05227 [Informazioni in merito all'avvenuta vendita da parte di Deutsche Bank dei titoli di Stato italiani]



FUGATTI. - Al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che:
i dati contenuti nei conti trimestrali di Deutsche Bank evidenziano che la più grande banca tedesca, nei primi sei mesi dell'anno, ha ridotto di quasi il 90 per cento, per un controvalore di circa 7 miliardi di euro, la sua esposizione verso le obbligazioni italiane;
all'interno dell'eurozona il differenziale tra titoli di Stato italiani a lungo termine e gli equivalenti tedeschi rappresenta il miglior indicatore del grado di rischio del nostro Paese e il premio di rendimento pagato dai titoli italiani rispetto al bund tedesco continua ad evidenziare un record negativo, fino a 336 punti base, secondo i dati della scorsa settimana;
secondo alcuni analisti la vendita dei titoli di Stato italiani da parte di Deutsche Bank sarebbe avvenuta a seguito di valutazioni esclusivamente tecniche, che escluderebbero pertanto qualunque volontà politica volta a danneggiare ulteriormente l'esposizione debitoria del nostro Paese già soggetta agli attacchi dei fondi speculativi;
tuttavia, la stessa banca tedesca, al fine di tutelarsi dal rischio insolvenza sta procedendo all'acquisto dei credit default swaps, collegati alle obbligazioni italiane;
solo poche settimane fa il Ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, in sede di riunione ECOFIN aveva espresso fiducia e ottimismo verso il nostro Paese anche a seguito della immediata approvazione dell'ultima manovra finanziaria -:
di quali informazioni disponga, anche per il tramite della Consob in merito all'avvenuta vendita da parte di Deutsche Bank dei titoli di Stato italiani, al fine di fugare ogni dubbio circa eventuali manipolazioni del mercato, anche nell'ottica di chiarire le reali intenzioni dei Paesi dell'eurozona impegnati a salvaguardare e rilanciare l'economia europea.
(5-05227)