• C. 4460 Proposta di legge presentata il 28 giugno 2011

link alla fonte  |  scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4460 Modifica all'articolo 6 della legge 8 marzo 1989, n. 95, in materia di nomina degli scrutatori di seggio elettorale



XVI LEGISLATURA
CAMERA DEI DEPUTATI

   N. 4460


 

Pag. 1

PROPOSTA DI LEGGE
d'iniziativa del deputato GIANNI
Modifica all'articolo 6 della legge 8 marzo 1989, n. 95, in materia di nomina degli scrutatori di seggio elettorale
Presentata il 28 giugno 2011


      

Onorevoli Colleghi! — La nomina degli scrutatori di seggio elettorale è attualmente effettuata dalla commissione elettorale, composta ai sensi dell'articolo 6 della legge 8 marzo 1989, n.95, e successive modificazioni, tra gli elettori iscritti nell'albo degli scrutatori di seggio elettorale.
      La commissione elettorale si riunisce in pubblica adunanza nella sede del comune e assegna gli incarichi per le sezioni elettorali presenti nel territorio comunale.
      La comunicazione della riunione è affissa due giorni prima nell'albo pretorio dell'edificio comunale. I componenti e i poteri della commissione elettorale sono disciplinati dal testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1967, n. 233.
      In passato la nomina avveniva tramite sorteggio casuale tramite sistema informatico, come inizialmente previsto dalla legge n. 95 del 1989, oggi, ai sensi della legge n. 270 del 2005, la chiamata è diretta e nominativa.
      In teoria la commissione elettorale potrebbe adottare criteri quali, ad esempio, il reddito, l'essere studenti, disoccupati e pensionati con reddito basso.
      La nomina a scrutatore per i giovani potrebbe essere una modalità concreta di impatto positivo con la politica, con la sua rappresentanza e con la democrazia.
      Nella realtà si assiste a scelte da parte della commissione elettorale, il più delle
 

Pag. 2

volte, senza alcun criterio e sostanzialmente spartitorie inibendo così, attraverso la chiamata nominale evidentemente non casuale, un positivo approccio da parte dei giovani al momento più importante di partecipazione democratica quali le elezioni politiche, amministrative, e i referendum.
      Con la presente proposta di legge si intende dare indicazioni precise alla commissione elettorale indicando con legge le priorità nella scelta degli scrutatori da nominare. In particolare si prevede che la priorità nella nomina sia data a giovani disoccupati o inoccupati, in particolare laureati, a studenti, a pensionati con reddito basso e lavoratori in cassa integrazione guadagni.
      Inoltre si propone che la nomina degli scrutatori sia effettuata a rotazione, evitando che ci siano dei «professionisti» della nomina. Proprio perché la partecipazione attiva alle elezioni nelle sezioni elettorali deve rappresentare una delle forme di avvicinamento alla politica non possono essere ammesse esclusioni a priori ovvero nomine a vita.
       Sono certo che le modifiche proposte possano trovare un largo consenso e che possano essere approvate in tempi brevi dando un segnale di forte attenzione in particolare ai giovani.
 

Pag. 3


PROPOSTA DI LEGGE
Art. 1.

      1. Alla lettera a) del comma 1 dell'articolo 6 della legge 8 marzo 1989, n. 95, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole:

          «nella nomina degli scrutatori è data priorità ai giovani disoccupati o inoccupati, in particolare laureati, agli studenti, ai pensionati con basso reddito e ai lavoratori in cassa integrazione guadagni, prevedendo che nessuno scrutatore possa essere nominato per due volte consecutive;».