• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/10835 [Assegnare le iniziative scolastiche della comunità italiana di Stoccarda ad enti non politicamente legati]



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata martedì 28 giugno 2011
nell'allegato B della seduta n. 492
All'Interrogazione 4-10835 presentata da
MARCO ZACCHERA
Risposta. - I corsi di lingua e cultura italiana e le attività di sostegno all'integrazione dei nostri alunni rivestono un'importanza centrale nel quadro dell'azione di politica estera che la Farnesina svolge in Germania.
Il Ministero degli esteri si è, quindi, attivato con la massima attenzione per fronteggiare la situazione di stallo determinatasi a fine 2010 nella circoscrizione consolare di Stoccarda, quando le verifiche amministrative e contabili previste dalla legge hanno messo in luce criticità nei bilanci consuntivi 2009 degli enti gestori Enaip, Ial-Csl e progetto scuola destinatari di contributi ministeriali per la realizzazione dei corsi di lingua e di sostegno (documenti peraltro trasmessi alla Procura della Repubblica di Roma).
In attesa della pronuncia delle competenti autorità giudiziarie, la situazione venutasi a creare ha determinato per l'amministrazione l'impossibilità giuridica di erogare agli enti citati, che tradizionalmente svolgevano i corsi nella circoscrizione di Stoccarda, il saldo dei finanziamenti ministeriali 2010 nonché di valutare le loro richieste di contributi per la programmazione 2011.
Nel primario interesse della collettività italiana, la Farnesina ha pertanto valutato attentamente le modalità per superare l'impasse e consentire la ripresa dei corsi all'inizio di quest'anno. A tal fine sono state accuratamente esaminate le proposte giunte dall'associazione «Deutsch-Italienische Gesellschaft» (D.I.G.) per i corsi di lingua e dall'istituto «Lernerfolg» di sostegno. Non è stato, invece, possibile vagliare la richiesta di contributo dell'ente gestore Co.as.sc.it. di Friburgo in quanto pervenuta tardivamente rispetto ai termini stabiliti dai regolamenti ministeriali.
Per quanto riguarda i corsi di lingua, essi sono ripresi a febbraio grazie all'assegnazione alla D.I.G. di Karlsruhe di una quota dei contributi forniti dal Land, tramite il Consolato generale di Stoccarda, per lo svolgimento di tali attività nelle circoscrizioni di Stoccarda e di Friburgo. L'assegnazione, sufficiente a finanziare i corsi fino a luglio, è stata disposta dall'ufficio consolare sulla base della valutazione del progetto presentato dalla stessa associazione.
Alla luce del positivo andamento delle attività e delle capacità organizzative dimostrate dalla D.I.G. in questa prima fase, il Ministero degli esteri ha stanziato ad aprile scorso un contributo all'associazione per consentire lo svolgimento dei corsi anche nella seconda parte dell'anno.
Per quanto concerne i corsi di sostegno, merita rilevare che la Farnesina già dal 2009 aveva sviluppato contatti con il Kultusministerium (assessorato alla cultura) di Stoccarda con l'auspicio di coinvolgere il Land nell'attività di sostegno promossa da enti locali, anche mediante contributi italiani, a favore dei giovani connazionali.
In questa prospettiva, anche al fine di poter valutare la richiesta dell'istituto Lernerfolg, la Farnesina ritiene auspicabile definire preventivamente tale forma di collaborazione in un'apposita convenzione con le autorità tedesche per identificare obiettivi, responsabilità, ed impegni reciproci nel quadro di un programma condiviso.
L'intesa costituirebbe un positivo esempio di strutturata cooperazione per un'azione congiunta italo-tedesca volta alla valorizzazione dei nostri studenti nella scuola locale, con l'obiettivo più ampio di favorirne la piena integrazione nel sistema formativo e, conseguentemente, in quello sociale e professionale tedesco.
Nella cornice descritta e sulla base delle soluzioni operative adottate, il Ministero degli esteri continuerà a monitorare attentamente la gestione dei corsi nella circoscrizione di Stoccarda per fare in modo che sia assicurata l'efficace prosecuzione della promozione della lingua e cultura italiana, e delle iniziative a beneficio delle nostre collettività residenti in Germania.

Il Sottosegretario di Stato per gli affari esteri: Alfredo Mantica.