• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/05348 [Carenza di organico e di risorse nella procura di Busto Arsizio]



TOMASSINI, RIZZI - Al Ministro della giustizia - Premesso che:

la Procura di Busto Arsizio (Varese), con competenza sull'area aeroportuale di Malpensa, ha sequestrato, nel solo anno 2007, 1.057,65 chili di sostanze stupefacenti, di cui 675,825 chili di cocaina: il dato relativo a tale sostanza corrisponde al 17,20 per cento di quanto sequestrato sull'intero territorio nazionale;

presso l'aeroporto di Fiumicino - seconda area di maggior concentrazione, per quantità di droga sequestrata - si sono registrati nei 2007 sequestri per 288,96 chili di sostanze stupefacenti, di cui 183,524 chili di cocaina, pari al 4,67 per cento del dato nazionale;

la Procura di Busto Arsizio istruisce le indagini per i delitti di introduzione nel territorio nazionale delle migliaia di container e cargo contenenti merci contraffatte e lesive del made in Italy che, provenienti dall'estremo oriente, fanno ingresso in Italia principalmente attraverso lo scalo di Malpensa, ove transita il 35 per cento di merci, legali ed illegali, in più rispetto al primo scalo italiano, Fiumicino;

l'aeroporto di Malpensa costituisce canale privilegiato d'ingresso nel territorio italiano per le organizzazioni criminali dedite ai reati di tratta di esseri umani e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, commessi attraverso l'utilizzo di passaporti e titoli di soggiorno contraffatti. Nel 2007 sono stati denunciati alla Procura di Busto Arsizio 1.867 cittadini extracomunitari per violazione del decreto legislativo n. 286 del 1998 (cosiddetta legge Bossi-Fini) e si sono altresì registrati 2.738 respingimenti alla frontiera di cui 1.124 per falso documentale;

il territorio di competenza della Procura di Busto Arsizio conosce la fitta infiltrazione della criminalità organizzata nazionale, attraverso l'insediamento di individui e gruppi appartenenti alle cosche del gelese e del crotonese in particolare. In stretto contatto con le "famiglie" di origine, costoro sfruttano e indeboliscono il fiorente tessuto imprenditoriale e produttivo locale per riciclare capitali illegali, senza peraltro disdegnare altre e più tradizionali fattispecie penali contro la persona ed il patrimonio. Questo determina la nascita e lo sviluppo di numerose indagini che sfociano spesso in procedimenti trasmessi alla Direzione distrettuale antimafia;

ogni anno vengono iscritti ed istruiti dalla Procura di Busto Arsizio oltre 8.000 procedimenti penali, solamente considerando quelli a carico di soggetti noti: nel 2007 esattamente 8.122 procedimenti iscritti nei confronti di 11.844 persone;

rispetto alle quantità ed allo spessore dei fenomeni criminali appena brevemente riassunti, la Procura dì Busto Arsizio, composta dal Procuratore della Repubblica e da otto Sostituti, soffre una strutturale insufficienza dell'organico di magistrati e di personale amministrativo, ulteriormente aggravata dalla pressoché costante scopertura dello stesso organico previsto;

considerato che:

il circondario di competenza della Procura di Busto Arsizio ha una popolazione residente di 429.094 unità. La Procura di Milano conta una popolazione residente nel circondario di circa 5,8 volte superiore a quella di Busto Arsizio, ma un numero di pubblici ministeri previsti in pianta organica di oltre 10 volte superiore (81 Sostituti e 8 Procuratori aggiunti, oltre al Procuratore della Repubblica);

tali dati sulla popolazione non tengono conto dell'esistenza dell'aeroporto internazionale di Malpensa, ove non risiede alcun cittadino, bensì transitano circa 22 milioni di passeggeri ogni anno, che determinano un numero di notizie di reato corrispondente, secondo alcune stime, a quelle che si verificano in una città di almeno 80.000 abitanti. Si tratta di reati di qualità particolarmente grave;

la Procura di Busto Arsizio è rimasta, nella sostanza, alle dimensioni preesistenti alla nascita dell'aeroporto di Malpensa 2000,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei dati e dei disagi esposti, nei quale i Sostituti della Procura di Busto Arsizio esercitano attualmente il proprio ufficio;

se non ritenga opportuno un intervento tempestivo volto ad adeguare organico e risorse della Procura di Busto Arsizio alle necessità urgenti e in continua crescita di un ufficio chiamato a svolgere compiti di primaria importanza, nell'interesse pubblico.