• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/06610 BELLOTTI. - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. - Per sapere - premesso che: nei giorni scorsi il Ministero dell'istruzione, dell'università e della...



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata lunedì 23 maggio 2011
nell'allegato B della seduta n. 476
All'Interrogazione 4-06610 presentata da
LUCA BELLOTTI
Risposta. - Con l'atto parlamentare cui si risponde, l'interrogante chiede di conoscere quali misure si intendano adottare per conservare la stretta correlazione tra la scuola media annessa al Conservatorio di Musica di Adria e lo stesso istituto, in modo da consentirne il mantenimento dell'indirizzo musicale.
La questione scaturisce dall'emanazione del decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 2009, n. 119, con il quale, nell'ambito degli interventi previsti dall'articolo 64 della legge 6 agosto 2008, n. 133, è stato approvato il regolamento per la determinazione degli organici del personale ATA (amministrativo, tecnico e ausiliario) delle istituzioni scolastiche ed educative.
La nota a) alle tabelle 1 e 2 allegate al regolamento prevede che il posto del profilo professionale di direttore dei servizi generali e amministrativi, al pari di quello del dirigente scolastico, sia costituito nelle sole istituzioni scolastiche autonome. I decreti interministeriali relativi alla determinazione degli organici recepiscono integralmente tali tabelle, in quanto elemento imprescindibile per l'attuazione delle disposizioni della citata legge per il triennio 2009-2011.
In applicazione di quanto sopra, il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, con nota del 22 febbraio 2010, ha dato indicazione agli uffici scolastici regionali che le scuole medie annesse ai conservatori venissero associate, secondo le normali procedure, ad un'istituzione scolastica di primo grado ovvero ad un istituto comprensivo.
L'ufficio scolastico regionale per il Veneto ha riferito che il sindaco del comune di Adria, venuto a conoscenza della nota sopra citata, rivendicava la competenza dell'amministrazione comunale in merito alle decisioni connesse con le istituzioni scolastiche site nel proprio territorio e chiedeva, in particolare, di lasciare invariata la dipendenza funzionale della scuola in discorso dal locale Conservatorio di musica, in ragione della specificità di detta scuola media che difficilmente potrebbe conservare la sua natura se dipendente da altra istituzione scolastica.
Con successiva nota in data 12 maggio 2010, il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ha confermato la necessità che le scuole medie annesse ai conservatori continuino a funzionare come sedi associate ad altra istituzione scolastica, considerato che non possono essere inserite nell'organico dei conservatori i quali appartengono ad altro comparto.
La stessa nota, tuttavia, prende in considerazione le precipue finalità di tali scuole e precisa che l'istituzione scolastica cui la sezione è associata provvederà unicamente alla gestione amministrativo-contabile della scuola precedentemente annessa al conservatorio.
Il coordinamento didattico-scientifico, invece, resta affidato al direttore del conservatorio, il quale all'uopo svolgerà concertazioni con le scuole interessate e con l'ufficio scolastico regionale competente al fine di delineare i percorsi didattici specifici.
Sulla base delle sopra descritte indicazioni, la scuola media annessa al Conservatorio di musica "Buzzolla" di Adria è stata annessa all'istituto comprensivo n. 2 di Adria. L'identità e la peculiarità della stessa, per la parte artistico-musicale e strumentale sarà assicurata mediante stipula di apposita convenzione con il Conservatorio di musica.

Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca: Mariastella Gelmini.