• Testo interrogazione a risposta orale

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.3/02181 [Valutare i profili di illegittimità del provvedimento di revoca della funzione di Rador della prof. Ferrara all'Università di Napoli "Federico II"]



CARLONI - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca - Premesso che, per quanto risulta all'interrogante:

la professoressa Lydia Ferrara, professore di Chimica idrologica presso l'Università di Napoli "Federico II" dal 1980, svolge attività didattica e di ricerca sui temi dell'alimentazione e idrologia;

in data 30 marzo 2011 il professor Novellino, direttore del Dipartimento di Chimica farmaceutica e tossicologica ha chiesto alla professoressa Ferrara il "favore"di ospitare nel suo laboratorio una sua allieva e di far spazio a delle apparecchiature;

nel laboratorio è presente una sola cappa aspirante ed i banchi di lavoro sono occupati già da altre apparecchiature e da due studenti per lo svolgimento di tesi sperimentali. Quindi la professoressa Ferrara ha rifiutato la richiesta del professor Novellino;

in seguito a questo episodio della professoressa Ferrara il professor Novellino ha revocato la nomina di Rador (Responsabile attività didattica e ricerca) alla professoressa Ferrara avocandone a sé le funzioni;

inoltre, il professor Novellino il 6 maggio 2011 si è introdotto con prepotenza e senza l'autorizzazione della professoressa Ferrara nel laboratorio della stessa per effettuare un'ispezione, interrompendo di fatto l'attività di ricerca;

considerato che:

la professoressa Ferrara svolge da oltre 40 anni attività sia didattica che di ricerca e nei laboratori durante la sua attività non si sono mai verificati incidenti o danni a persone o cose;

la professoressa Ferrara ha sporto denunzia-querela, presentata il 3 aprile ed il 10 maggio, al Comando dei Carabinieri di Marianella, nei confronti del professor Novellino per i reati di abuso di potere, esercizio arbitrario delle proprie funzioni, violenza privata, invasione di laboratorio,

si chiede di sapere se, pur nel dovuto rispetto dell'autonomia didattica ed organizzativa della facoltà, il Ministro in indirizzo non ritenga opportuno avviare un'iniziativa con gli strumenti a sua disposizione per verificare se quanto esposto corrisponda al vero e, in caso affermativo, valutare i profili di illegittimità del provvedimento di revoca della funzione di Rador e assumere iniziative per il pieno rispetto della libertà di ricerca ed insegnamento come sancito dall'art. 33 della Costituzione.