• Testo interpellanza

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.2/01081 [Garantire il reintegro del fondo per le scuole paritarie]



I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro dell'economia e delle finanze, per sapere - premesso che:
il disegno di legge di bilancio per il 2011 prevedeva inizialmente un taglio al contributo statale per le scuole paritarie di 258 milioni di euro;
a seguito di tale taglio è stato approvato un emendamento al disegno di legge di stabilità per il 2011, che reintegrava tale fondo, per 245 milioni di euro;
per la copertura di tale reintegro, è stata individuata in bilancio una quota derivante dalla vendita, da parte dello Stato, delle frequenze televisive digitali;
all'articolo 1, comma 13, della legge di stabilità per il 2011 (legge n. 220 del 2010) è prevista una clausola di salvaguardia, che però non fa esplicito riferimento alla missione per le «istituzioni scolastiche non statali»;
nella risposta ad una precedente interrogazione, nella quale venivano richieste garanzie sul reintegro totale dei 245 milioni di euro, il sottosegretario per l'economia e le finanze, Alberto Giorgetti, specificava, che lo stanziamento risulta assegnato dall'articolo 1, comma 40, della legge n. 220 del 2010 e sarà destinato alle finalità previste all'elenco 1 allegato alla legge n. 220 del 2010 con apposito decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, al momento in corso di perfezionamento. Soltanto, a seguito del perfezionamento di tale decreto sarà possibile terminare le relative variazioni di bilancio;
dei 280 milioni di euro a bilancio, ne sono stati tagliati 28 per esigenze statali;
i rimanenti 252 milioni, al 1° aprile 2011, ancora non sono stati resi disponibili per la ripartizione;
per le scuole non statali questi fondi risultano indispensabili per la chiusura dei bilanci e per l'andamento delle normali funzioni durante il corrente anno scolastico -:
quale sia la reale cifra stanziata per il 2011 per l'istruzione paritaria non statale, cifra che sarà realmente erogata per le scuole non statali;
quanto sia stato ridotto, complessivamente, il fondo per l'istruzione paritaria, rispetto alla cifra storica destinata a bilancio per le scuole paritarie che ammontava a 530 milioni di euro;
quali iniziative intenda intraprendere il Governo per garantire il reintegro del fondo per le scuole paritarie, in caso di mancata vendita delle frequenze televisive digitali.
(2-01081)
«Toccafondi, Garagnani, Centemero, Renato Farina, Mazzoni, Girlanda, Barani, Cazzola, Lupi, Vignali, Sbai, Bonciani, Bergamini, Vella, Iannarilli, Aprea, Palmieri, Garofalo, Marinello, Mazzuca, Gioacchino Alfano, Di Caterina, Faenzi, Sisto, De Camillis, Barbieri, Migliori, Franzoso, Pelino, Abelli, Beccalossi, Bocciardo, Castellani, De Luca, Bianconi, Calabria, Ceroni, Gottardo, Saltamartini, Tortoli, Traversa».