• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/11825 [Distribuzione delle tessere elettorali nel comune di Treviso]
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



BORGHESI. - Al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che:
il comune di Treviso giustificando la cosa con non meglio precisate «difficoltà economiche» - non spedisce a casa le tessere elettorali e invita tutti i cittadini elettori a presentarsi presso un unico punto a Treviso per la sostituzione con quelle in loro possesso. Trattasi di circa 60.000 tessere complessivamente;
di fronte a questa situazione, ci saranno persone non in grado di esercitare il loro diritto di voto il 15/16 maggio (elezioni amministrative provinciali) e il 12/13 giugno eventuale ballottaggio e (referendum). Ad esempio coloro che, per motivi tecnici e logistici (pendolari) sono impossibilitati a presentarsi per il ritiro e che non possono delegare alcuno al ritiro. Senza contare comunque al disagio di ogni cittadino che deve affrontare tale situazione visto anche (come riportato dai giornali locali) le code costanti davanti allo sportello;
le istituzioni non possono fingere di non vedere; si è di fronte, ad avviso dell'interrogante, ad una dimostrazione di incapacità organizzativa. I rischi sono il caos ai seggi ed il disincentivo a partecipare alle provinciali e referendum, diritto sancito dalla Costituzione -:
se il Ministro sia a conoscenza dei fatti sopra riportati;
se non intenda intervenire presso il comune di Treviso affinché provveda ad una distribuzione meno caotica e più sicura e nei termini, per dare a tutti la possibilità di poter esercitare il diritto di voto.
(4-11825)