• Testo interrogazione a risposta orale

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.3/02118 [Clima di tensione politica nella campagna elettorale a Milano]



ADAMO, BASSOLI, ICHINO, VIMERCATI - Al Ministro dell'interno - Premesso che:

a Milano, nella notte tra martedì 26 e mercoledì 27 aprile 2011 sono stati distrutti ad opera di ignoti due gazebo installati in Piazza Santa Maria del Suffragio e in Piazza Argentina per la campagna elettore del candidato sindaco del centrosinistra Giuliano Pisapia, in vista delle prossime elezioni amministrative;

in particolare, sono stati squarciati i teloni dei gazebo e sottratto il materiale elettorale ivi riposto;

considerato che:

un episodio analogo si era già verificato nella notte precedente in viale Argonne, sempre ai danni dello stesso candidato;

la dinamica e la sequenza secondo cui si sono svolti i fatti lascerebbero escludere che si sia trattato di atti vandalici occasionali, mentre avvalorerebbero l'ipotesi che si sia trattato di veri e propri atti intimidatori di matrice politica;

la campagna elettorale si sta svolgendo soprattutto a Milano in un clima di tensione politica anche in seguito alle gravi, reiterate, dichiarazioni rilasciate in questi giorni da esponenti del Popolo della Libertà, nonché dallo stesso Presidente del Consiglio dei ministri, che ad avviso degli interroganti contribuiscono ad acuire le tensioni tra i diversi schieramenti politici rischiando di compromettere il sereno e civile svolgimento delle prossime elezioni amministrative,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei gravi episodi riportati in premessa e quali valutazioni esprima in merito;

se intenda fornire ulteriori informazioni e chiarimenti in ordine alle dinamiche degli episodi riportati in premessa e alle responsabilità, dirette ed indirette, eventualmente emerse dalle indagini finora svolte;

quali urgenti azioni intenda intraprendere per far sì che nella città di Milano tali episodi non abbiano più a ripetersi e che la campagna elettorale in vista delle prossime elezioni amministrative possa svolgersi in un clima di sereno confronto sui temi che riguardano la città e il suo futuro.