• Testo mozione

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.1/00636 [Fissare un termine temporale certo entro cui concludere le azioni mirate contro specifici obiettivi militari in Libia]



La Camera,
considerati i contenuti della risoluzione dell'Onu 1973/2011 e della risoluzione 6-00071, approvata il 24 marzo 2011 dalla Camera dei deputati, nonché delle comunicazioni rese dal Governo alle Commissioni riunite esteri e difesa di Camera e Senato in data 27 aprile 2011;
tenuto conto dei rilevanti fenomeni migratori dalle coste del Nord Africa e della sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea del 28 aprile 2011 nella causa C-61/11 Ppu, in relazione al reato di immigrazione clandestina;
considerato che una maggiore flessibilità operativa dei nostri velivoli, che consenta azioni mirate contro specifici obiettivi militari selezionati sul territorio libico, potrebbe determinare il rischio concreto: di nocumento anche alle popolazioni civili, di un incremento dei flussi migratori, di maggiori oneri per lo Stato italiano e di conseguente incremento della pressione fiscale per i cittadini,


impegna il Governo:


ad intraprendere immediatamente una decisa e forte azione politica sul piano internazionale finalizzata ad una soluzione, per via diplomatica, della crisi libica che ristabilisca condizioni di stabilità, pace e rispetto dei diritti umani, ponendo fine alla fase militare e ai bombardamenti;
ad escludere, per il futuro, qualunque partecipazione italiana ad azioni di terra sul suolo libico;
in accordo con le organizzazioni internazionali ed i Paesi alleati a fissare un termine temporale certo, da comunicare al Parlamento, entro cui concludere le azioni mirate contro specifici obiettivi militari selezionati sul territorio libico, di cui in premessa, che comunque debbono attuarsi nel pieno rispetto dell'articolo 11 della Costituzione ed esclusivamente come strumento di difesa rispetto ad atti ostili, reali, concreti ed attuali rivolti contro i nostri velivoli ovvero contro la popolazione civile ed in condizioni di assoluta sicurezza per la popolazione civile stessa e per i nostri operatori;
a non determinare ulteriori aumenti della pressione tributaria finalizzati al finanziamento della missione in questione;
a dare esecuzione al piano di razionalizzazione delle missioni già in corso, da attuarsi, in accordo con le organizzazioni

internazionali e i Paesi alleati, attraverso una graduale e concordata riduzione degli impegni del nostro Paese;
ad intraprendere ogni iniziativa finalizzata al superamento delle criticità conseguenti alla sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea di cui in premessa;
a confermare gli impegni internazionali dell'Italia e a dare piena attuazione alla risoluzione n. 6-00071 di cui in premessa, promuovendo il reale concorso di tutti i Paesi alleati rispetto alle ondate migratorie in essere, all'asilo dei profughi e al contrasto dell'immigrazione irregolare.
(1-00636)
«Reguzzoni, Cicchitto, Sardelli».