• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/05000 [Iniziative didattiche per le scuole della provincia di Vercelli a favore dell'energia nucleare ]
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



DELLA SETA - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca - Premesso che:

il 18 febbraio 2011 ha preso il via il progetto "Energia sul territorio", il primo dei progetti promossi dall'amministrazione comunale di Saluggia (Vercelli) che saranno attuati in collaborazione con le scuole del comune piemontese per valorizzare la conoscenza di aspetti tematici riguardante un mix tra ambiente e cultura;

questo primo progetto ha visto coinvolti i ragazzi delle classi terze medie della scuola "L. C. Farini" che sono stati ospiti del sito Eurex-Sogin di Saluggia. La visita si è sviluppata in due momenti: dapprima gli alunni saluggesi sono stati accompagnati nella visita guidata del centro Eurex, e successivamente è stata loro proposta dalla dottoressa De Simoni, esperta in fisica nucleare, una presentazione multimediale con l'illustrazione del funzionamento di una centrale nucleare;

inoltre erano presenti anche la dottoressa Pastorelli, dell'area comunicazione di Sogin, che ha seguito in prima persona il progetto, e l'ingegner Michele Gili, responsabile del centro di Saluggia. L'Assessore alla pubblica istruzione del Comune ha così commentato: "Con questo progetto si vuole fare una fotografia reale della situazione del nostro territorio, relativamente alla presenza del sito nucleare gestito dalla Sogin";

sono in programma altri due appuntamenti con gli esperti di Sogin con relativa visita alla ex centrale nucleare di Trino Vercellese. Inoltre sembra che il Provveditorato agli studi di Vercelli risulterebbe non coinvolto nell'iniziativa;

è importante evidenziare che il suddetto progetto, presentato e descritto da Sogin come neutrale e oggettivo, di fatto dà voce al punto di vista di un soggetto, Sogin appunto, con evidenti interessi nel nucleare, e il cui scopo - naturalmente legittimo ma non certamente neutrale - è sostenere attivamente il ritorno al nucleare in Italia;

pertanto tale scelta ha per effetto di generare un'informazione non solo di parte ma anche ingannevole vista l'assenza di un punto di vista contrario all'utilità del nucleare per l'Italia, tanto più grave poiché fruitori della comunicazione sono dei ragazzi,

si chiede di conoscere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza di quanto descritto, e, in caso affermativo, se non ritenga di intervenire, nel rispetto delle proprie competenze, affinché situazioni analoghe non si ripetano;

se non ritenga utile avviare iniziative scolastiche sul tema dell'energia nucleare facendo sì che siano rappresentate e invitate tutte le parti interessate, in modo da fornire agli studenti conoscenze il più possibile plurali e rappresentative di tutte le opinioni.