• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/04340 [Agevolare il rientro in patria delle salme dei caduti sepolti in Germania, Austria e Polonia dopo essere stati internati nei campi nazisti]



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in Commissione 5-04340 presentata da ANTONIO RUGGHIA
martedì 8 marzo 2011, seduta n.445
RUGGHIA, FLUVI, GAROFANI, RECCHIA, MOGHERINI REBESANI, LAGANÀ FORTUGNO, VILLECCO CALIPARI, LA FORGIA e GIANNI FARINA. - Al Ministro della difesa. - Per sapere - premesso che:

il 27 ottobre 2010 è apparso sul giornale Il Tirreno un articolo con un elenco di 37 nomi (militari e civili), che furono internati o deportati nei campi nazisti e che, alla fine del loro calvario, sono stati sepolti in Germania, Austria e Polonia;

la pubblicazione della notizia ha profondamente emozionato i familiari di questi caduti e li ha anche sorpresi perché: «...purtroppo chi nel dopoguerra si occupò di ricercare, riesumare e traslare i nostri Caduti nei cimiteri militari italiani, si "dimenticò" d'informare i familiari dell'avvenuta inumazione, negando a migliaia di famiglie italiane di avere almeno una tomba su cui piangere»;

l'unico ente dello Stato legalmente autorizzato ad approntare le pratiche relative al rimpatrio di caduti in guerra è, al momento, il Commissariato generale per le onoranze ai caduti di guerra (Onorcaduti);

il legittimo desiderio dei familiari di riportare in patria le salme dei loro parenti incontra anche difficoltà economiche, laddove le spese fossero a totale carico dei richiedenti;

con le ultime leggi finanziare sono stati profondamente ridimensionati i fondi per l'esercizio, con particolare riguardo a quelli destinati alle associazioni combattentistiche compresi quelli destinati ad Onorcaduti, con poca attenzione alle funzioni e ai valori che queste associazioni hanno il compito di onorare e mantenere vivi -:

se, considerato il ritardo con cui i familiari sono venuti a conoscenza della tumulazione dei loro parenti, intenda assumere iniziative, anche normative, per agevolare il rientro in patria di queste salme rendendo possibile una partecipazione alle spese da parte dell'amministrazione della difesa.(5-04340)