• Testo interpellanza

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.2/00308 [Rimettere in funzione gli impianti produttivi di Porto Torres, Ravenna e Porto Marghera della società Vinyls]



FINOCCHIARO, CASSON, MERCATALI, CABRAS, SANNA, PIGNEDOLI, SOLIANI, BASTICO, MORRI, GHEDINI, FONTANA, BARBOLINI, BASSOLI, ROILO, SIRCANA, VIMERCATI, TEDESCO, GRANAIOLA, DEL VECCHIO, CARLONI, GIARETTA, ROSSI Paolo, NEGRI, COSENTINO, STRADIOTTO, LEGNINI, SCANU, PEGORER, CECCANTI, RANUCCI, MORANDO, ASTORE, FILIPPI Marco, LIVI BACCI, BLAZINA, LUSI, AGOSTINI, D'AMBROSIO, DELLA MONICA, ADAMO, CHIAROMONTE, GALPERTI, BUBBICO - Al Presidente del Consiglio dei ministri e ai Ministri dello sviluppo economico e del lavoro e delle politiche sociali - Premesso che:

la crisi degli stabilimenti produttivi della società Vinyls, di Porto Torres (Sassari), Ravenna e Porto Marghera (Venezia), che si protrae ormai da diverso tempo senza adeguata soluzione, sembra essere giunta alla fase più acuta. I Commissari straordinari dell'azienda hanno recentemente dichiarato che le risorse finanziarie stanno per terminare e con gli stipendi di febbraio 2011 si rischia di esaurire le ultime disponibilità;

la sottovalutazione da parte del Governo dello stato di crisi degli stabilimenti della Vinyls non ha favorito una soluzione positiva della vicenda ed ora il Paese rischia di perdere un'altra fondamentale filiera produttiva per l'industria italiana;

anche in questo caso la questione principale e più importate è la salvaguardia di tutti i siti produttivi della Vinyls, sia come elemento fondamentale per la competitività e la sostenibilità del processo industriale dell'intero ciclo del cloro, sia per la garanzia del mantenimento dei livelli occupazionali nei prossimi anni;

lo stesso Ministro dello sviluppo economico ha affermato testualmente che il salvataggio degli impianti della Vinyls "garantirebbe l'unitarietà del progetto chimico in Italia per quanto riguarda tutte le produzioni sia della Vinyls sia degli impianti che fanno capo all'ENI";

considerato che:

occorre intervenire con urgenza, nei confronti di ENI e di GITA, per arrivare alla tanto auspicata firma dell'accordo preliminare e al mantenimento delle tempistiche dell'accordo definitivo con i Commissari di Vinyls allo scopo di rimettere in funzione gli impianti produttivi di Porto Torres, Ravenna e Porto Marghera;

l'urgenza dell'intervento del Governo è ancor più pressante dal momento che la protesta dei lavoratori si è incanalata verso forme di lotta che possono recare pregiudizio all'incolumità degli stessi lavoratori;

il salvataggio del ciclo produttivo con un accordo serio consentirebbe di realizzare ed attuare investimenti indispensabili per migliorare la produzione, la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini ma soprattutto consentirebbe al nostro Paese di rimanere "in campo" sulla filiera industriale del cloro tassello fondamentale dell'industria chimica,

si chiede di sapere:

quali iniziative il Governo intenda adottare, entro brevi termini, per fornire una risposta adeguata e certa alle vicende descritte in premessa;

se intenda, al più presto, favorire la sottoscrizione dell'accordo definitivo tra ENI e GITA e garantire, per tale via, la continuità produttiva di tutti gli impianti della Vinyls.