• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/04512 [Definire un contributo al recupero dei costi dei servizi idrici per l'agricoltura tenendo conto delle specificità dei territori]
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



PINZGER - Al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali - Premesso che:

la direttiva 2000/60/CE prevede che gli Stati membri provvedano entro il 2010 ad individuare politiche dei prezzi dell'acqua finalizzate al risparmio idrico e ad un adeguato contributo al recupero dei costi dei servizi idrici dei vari settori, tra cui l'agricoltura;

da informazioni assunte dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, si apprende che le Autorità di distretto stanno lavorando per definire il livello di tale adeguato contributo ed hanno già chiesto informazioni al Ministero ed all'Associazione nazionale bonifiche irrigazioni;

il problema è di un certo rilievo perché, da una parte l'uso virtuoso dell'acqua o la rinuncia a tale uso potranno ottenere un riconoscimento a livello di premio unico, dall'altra anche per l'irrigazione dovrà esserci un sistema di partecipazione ai costi, simile a quello previsto per l'uso potabile, perché dovrà anche essere considerato un costo per compensare l'impatto ambientale dell'uso dell'acqua. Verranno quindi messi in discussione sia il livello dei canoni sia gli introiti da parte dei consorzi quando questi siano troppo bassi;

va tenuto presente che, ad esclusione delle spese sostenute dalla Provincia di Bolzano, della Provincia di Trento e dalla Regione Valle d'Aosta, tutte le infrastrutture irrigue consortili e le loro manutenzioni straordinarie sono state realizzate senza alcun costo per gli agricoltori e che in futuro la tariffa dovrà prendere in considerazione anche queste spese;

le metodologie verranno predisposte dalle Autorità di distretto (per la provincia di Bolzano quella dell'Alto Adriatico) e c'è il rischio che queste non tengano in considerazione le esigenze dell'agricoltura e le specificità del Sudtirolo;

per il distretto del Sudtirolo, l'autorità di bacino dell'alto Adriatico sta lavorando sul tema "costi" , si presuppone, con principale attenzione alle problematiche venete,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo, nell'ambito della ridefinizione dei costi dell'acqua, non intenda adoperarsi affinché si applichi in tutte le sedi il principio previsto dal regolamento stesso, il quale stabilisce che gli Stati membri possono tener conto delle ripercussioni sociali, ambientali ed economiche del recupero, nonché delle condizioni geografiche e climatiche della regione o delle regioni in questione.