• Testo interrogazione a risposta orale

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.3/01899 [Debiti dello Stato nei confronti delle società responsabili della fornitura di acqua potabile e dello smaltimento dei reflui della Città del Vaticano]



PERDUCA, PORETTI - Al Presidente del Consiglio dei ministri e al Ministro degli affari esteri - Premesso che i rapporti con la Sante Sede sono regolati dalla legge 25 marzo 1985, n. 121, che prevede la ratifica ed esecuzione dell'accordo con protocollo addizionale, firmato a Roma il 18 febbraio 1984, che apporta modifiche al concordato lateranense dell'11 febbraio 1929, tra la Repubblica italiana e la Santa Sede;

considerato che il concordato tra la Repubblica italiana e la Santa Sede non abroga esplicitamente il primo comma dell'articolo 6 del vecchio testo del 1929 che prevede che «l'Italia provvederà a mezzo degli accordi occorrenti con gli Enti interessati che alla Città del Vaticano sia assicurata un'adeguata quantità di acqua in proprietà»;

tenuto conto che l'aggettivo "adeguata" presta il fianco a valutazioni a geometria variabile che nulla dovrebbero avere a che fare con la certezza tipica di un regolamento di interessi bilaterale;

considerato che lo Stato si è visto costretto a rimborsare le società responsabili della gestione del servizio idrico in merito alle forniture del Vaticano e delle sue dipendenze che godono del regime di extraterritorialità e che i due testi dei Concordati nulla dicono in merito allo smaltimento delle acque reflue prodotte entro i confini dello Stato vaticano,

si chiede di sapere:

quali siano le ragioni che giustificano l'assetto di simili prebende;

quali siano gli enti, diversi dalla Santa Sede, che si sono giovati nel tempo di questi benefici;

a quanto ammontino le risorse del bilancio dello Stato utilizzate per onorare i debiti nei confronti delle società responsabili della fornitura di acqua potabile e dello smaltimento dei reflui;

se il Governo intenda attivare i canali diplomatici per evitare che questa consuetudine continui a gravare sulla spesa pubblica;

se siano in atto campagne volte al risparmio del consumo idrico da parte della Santa Sede.