• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/04433 [Aumentare il numero dei posti disponibili nelle facoltà di Scienze infermieristiche]



MARINO Ignazio - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca - Premesso che:

la tutela della salute dei cittadini è un obbligo costituzionale;

l'organizzazione e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale non possono che poggiare necessariamente anche sull'apporto del personale infermieristico,

il gradimento e la soddisfazione dell'utenza si misura attraverso l'efficacia dei servizi assistenziali e di cura implementati nelle strutture sanitarie;

considerato che:

un moderno sistema sanitario che sappia assolvere positivamente ai propri compiti e funzioni deve anche dotarsi di adeguati organici di personale infermieristico;

di detto personale vi è in Italia un fabbisogno oggettivo tuttora non soddisfatto, una carenza numerica da molte parti denunciata che rappresenta un'ipoteca negativa sugli standard di efficienza del nostro Servizio sanitario nazionale;

considerato, altresì, che la via per risolvere positivamente le criticità organizzative delle strutture sanitarie è quella di avviare alla professione infermieristica un più alto numero di persone dotate della necessaria preparazione;

considerato, infine, che:

stride con tale esigenza il fatto che il numero degli accessi consentito alle facoltà di Scienze infermieristiche è basso rispetto alle richieste provenienti dal complesso delle strutture sanitarie del nostro Paese;

il permanere di questo stato di cose non farà che aumentare il disagio tanto di coloro che lavorano nel sistema sanitario per non riuscire ad offrire un servizio qualitativamente più elevato quanto delle persone che devono fare ricorso all'assistenza ospedaliera,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo non intenda attivarsi con urgenza per la predisposizione di misure appropriate che superino questo stato di cose, cioè una revisione al rialzo della quantità di posti disponibili nelle facoltà di Scienze infermieristiche, per rispondere meglio al fabbisogno di assistenza sanitaria altrimenti mortificato per ragioni che l'opinione pubblica non può che giudicare irragionevoli ed inaccettabili.