• Testo interrogazione a risposta orale

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/01404 [Informazioni sulle aree della regione Toscana scelte come possibili siti del deposito nazionale delle scorie nucleari]



SCARPETTI. - Al Ministro dello sviluppo economico. - Per sapere - premesso che:
numerosi articoli di stampa, nazionale e locale, hanno dato conto del fatto che la società Sogin spa, società pubblica a cui il decreto legislativo 15 febbraio 2010 n. 31 ha affidato la responsabilità di realizzare e gestire il parco tecnologico, comprensivo del deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani, ha comunicato al Governo, nel settembre 2010, l'elenco di 52 siti adatti ad accogliere il futuro deposito dei residui nucleari;
tra i siti individuati, sempre secondo indiscrezioni di stampa, ve ne sarebbero due in Toscana: uno nella zona tra il Montalbano ed il Padule di Fucecchio in Valdinievole e l'altro nel grossetano;
la normativa (articolo 27 del decreto legislativo n. 31 del 2010) prevede un articolato procedimento per l'individuazione del sito che ospiterà il deposito nazionale delle scorie e, pur prevedendo varie procedure concertative con le regioni e gli enti locali, autorizza il Consiglio dei ministri, in caso di mancata intesa, ad individuare autonomamente e coattivamente il sito con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri sostitutivo dell'intesa con la regione interessata;
l'elenco in questione non è stato reso pubblico e a distanza di circa tre mesi dalla diffusione della notizia non esistono né conferme né smentite sull'effettiva comunicazione di Sogin spa al Governo a proposito dei 52 siti adatti ad accogliere il futuro deposito di residui nucleari e si stanno comprensibilmente creando preoccupazione ed allarme fra le popolazioni interessate -:
se corrispondano al vero le notizie e le indiscrezioni di stampa relative alla effettiva identificazione di alcune località toscane come possibili siti del deposito nazionale delle scorie nucleari e se, in caso affermativo, siano state espletate le procedure previste dalla normativa.
(3-01404)