• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/10265 [Tentativo di suicidio di un detenuto del carcere di Pisa]



BERNARDINI, BELTRANDI, FARINA COSCIONI, MECACCI, MAURIZIO TURCO e ZAMPARUTTI. - Al Ministro della giustizia. - Per sapere - premesso che:
sul quotidiano Il Tirreno del 24 dicembre 2010 è stato pubblicato un articolo intitolato: «Detenuto 50enne tenta il suicidio impiccandosi, viene salvato dagli agenti»;
nell'articolo viene descritto il tentato suicidio di un cinquantenne detenuto nel carcere di Pisa, il quale nella circostanza è stato soccorso da un assistente della polizia penitenziaria e poi da un medico del Centro clinico del carcere Don Bosco, intervenuti in tempo per strapparlo alla morte;
l'uomo ha tentato di impiccarsi nel primo pomeriggio di sabato 18 dicembre

con un lenzuolo nella sua cella. Lo ha scoperto quasi subito l'assistente Michele Vignali e sul posto è arrivato immediatamente un medico del centro clinico del carcere Don Bosco, il dottor Mario Caporale. In pochi minuti hanno sciolto l'uomo dal cappio e sono riusciti a rianimarlo. È stata quindi chiamata un'ambulanza e l'uomo è stato portato in ospedale, dove si trova tuttora ricoverato: le sue condizioni però non destano preoccupazioni e la prognosi è confortante -:
di quali informazioni disponga circa i fatti riferiti in premessa;
per quale reato il detenuto che ha tentato il suicidio si trovasse in carcere, se fosse in attesa di giudizio o condannato in sede definitiva e da quanto tempo fosse detenuto;
se prima di questo gesto disperato, il detenuto risultasse essere seguito da uno psicologo;
se consti che attualmente l'uomo benefici di un adeguato supporto psico-terapeutico.
(4-10265)