• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/01181 BRANDOLINI. - Al Ministro dello sviluppo economico. - Per sapere - premesso che: gli abitanti dell'alta valle del bidente delle zone di Monteguidi e di Crocedevoli - territori...



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata martedì 21 dicembre 2010
nell'allegato B della seduta n. 411
All'Interrogazione 4-01181 presentata da
SANDRO BRANDOLINI
Risposta. - Con riferimento all'interrogazione in esame, anche sulla base di elementi informativi forniti dalla Rai e dalla società TELECOM Italia, si rappresenta quanto segue.
In merito ai disservizi riscontrati nella provincia di Forlì-Cesena, la Rai fa presente che il servizio radiotelevisivo nella Valle del Bidente è assicurato da una serie di impianti trasmittenti che assicurano un grado di copertura, in linea con gli obblighi derivanti dal vigente contratto di servizio.
In particolare, nell'alta valle del Bidente, il servizio è reso dagli impianti della stazione di Corniolo, operanti sui canali H1 (Raiuno), 28 (Raidue) e 21 (Raitre); inoltre, i comuni di Bagno di Romagna e Santa Sofia, nei cui territori risiedono le località di Monteguidi e Crocedevoli, sono serviti dagli impianti di Bagno di Romagna (canali G per Raiuno, 28 per Raidue e 24 per Raitre), M. Spinello (canali H per Raiuno, 46 per Raidue e 43 per Raitre) e Santa Sofìa (canali E per Raiuno, 21 per Raidue e 37 per Raitre).
I problemi di ricezione denunciati da una ristretta fascia di utenti potrebbero essere causati dalla conformazione orografica del territorio, oppure, da una non corretta installazione dei sistemi di antenna rispetto alla direzione di provenienza dei migliori segnali disponibili.
L'installazione di ulteriori impianti non rientrerebbe, a giudizio della Rai, tra gli obblighi di cui essa debba farsi carico ai sensi del contratto di servizio, in considerazione del grado di copertura della popolazione raggiunto dalle reti Rai, sia a livello nazionale che regionale, nel territorio menzionato.
Lo stesso contratto di servizio, all'articolo 16 comma 2, prevede, peraltro, l'estensione della rete analogica terrestre solo in particolari casi e a fronte di convenzioni o contratti stipulati con gli enti locali, secondo criteri di economicità degli investimenti.
La Rai conclude con l'affermare di essere operativamente coinvolta nella realizzazione, in società con altri broadcaster, di una piattaforma satellitare gratuita di integrazione e complemento della diffusione del servizio televisivo nelle zone dove possono sussistere criticità di ricezione, anche ai fini dell'assolvimento degli obblighi di neutralità tecnologica e di accessibilità alla programmazione in simulcast previsti dal contratto di servizio.
La società Telecom, relativamente ai disservizi telefonici nelle zone di Monteguidi e di Crocedevoli, segnalati con la presente interrogazione, ha comunicato che sono stati effettuati significativi interventi tecnici di bonifica sulla rete che interessa tali aree.
In particolare, nel mese di ottobre 2009 è stata effettuata la bonifica di raccordi d'utente, nelle zone di Poggio la Lastra e Monteguidi; nel mese di novembre 2009 sono stati sostituiti 3,5 chilometri di cavi di distribuzione per l'area di San Piero in Bagno-Ridracoli, ed, infine, nel mese di aprile 2010, è stata completata la sostituzione degli apparati che servono le aree di S. Sofia e Biserno.
Il Ministro dello sviluppo economico: Paolo Romani.