• Testo interrogazione a risposta scritta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/09621 [Relazione sullo stato di attuazione riguardante il diritto al lavoro delle persone disabili]



PEDOTO, LENZI, GRASSI e SCHIRRU. - Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. - Per sapere - premesso che:
l'articolo 21, comma 1, della legge 12 marzo 1999, n. 68 «Norme per il diritto al lavoro dei disabili» prevede che il Ministro del lavoro e della previdenza sociale ogni due anni, entro il 30 giugno, presenti al Parlamento una relazione sullo stato di attuazione della legge, sulla base dei dati che le regioni annualmente, entro il mese di marzo, sono tenute ad inviare al Ministro stesso;
l'ultima relazione trasmessa alla Presidenza della Camera risale al 17 luglio 2008 e riguarda i dati relativi agli anni 2006 e 2007;
la relazione è «l'occasione per fare il punto sulla disabilità e il mondo del lavoro. Un binomio, questo, sostenuto in Italia da una normativa ancora all'avanguardia... malgrado la sua attuazione nel Paese proceda condizionata ancora da forti disomogeneità territoriali», cosi recitava la presentazione della relazione del 2008;
la necessità di avere un quadro completo dei dati relativi al rapporto tra lavoro e disabilità è oggi tanto più importante alla luce del fatto che tale diritto è stato gravemente compromesso dall'articolo 5 del decreto-legge 6 luglio 2010, n. 102, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2010, n. 126, che prevede che l'avviamento al lavoro nel collocamento obbligatorio di orfani e vedove di vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, e di soggetti ad essi equiparati come i superstiti delle vittime sul lavoro hanno la precedenza su ogni altra categoria e non sono contenuti entro la quota di legge dell'1 per cento andando cosi ad occupare i posti riservati ai disabili;
la relazione può anche essere occasione per comprendere le ragioni che hanno indotto il Governo ad effettuare il pesante taglio sul Fondo per il diritto al lavoro dei disabili ridotto da 42 a 11 milioni di euro per il 2011 -:
se e quando il Ministro intenda presentare la relazione di cui all'articolo 21 della legge n. 68 del 1999 e quali siano state le cause ostative che fino ad oggi hanno impedito di rispettare i tempi previsti;
se il Ministro non ritenga opportuno ed urgente adottare adeguate iniziative normative ed interpretative tali da restituire alle persone disabili un diritto, quello al lavoro, gravemente compromesso da quanto previsto dall'articolo 5 della legge n. 126 del 2010.
(4-09621)