• Testo interrogazione a risposta orale

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/01279 [Concorrenza nel mercato ferroviario]



MISITI, LO MONTE, COMMERCIO, LATTERI e LOMBARDO. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. - Per sapere - premesso che:
il servizio ferroviario italiano è gestito dal gruppo Ferrovie dello Stato s.p.a, a totale partecipazione statale, attraverso il Ministero dell'economia e delle finanze;
il gruppo Ferrovie dello Stato possiede il 100 per cento delle azioni delle società Rete ferroviaria italiana (RFI), Trenitalia, Italferr, Ferservizi, FS Logistica, FS Sistemi Urbani e Fercredit, mentre possiede quote di maggioranza assoluta delle società Grandi Stazioni, Centostazioni e Sogin (Sita);
tale situazione di accentramento della gestione del sistema ferroviario italiano in mano ad un unico gruppo ingenera evidenti problemi di efficienza, come dimostrano i continui disagi a cui sono sottoposti i cittadini italiani;
il gruppo Ferrovie dello Stato, considerando il Mezzogiorno d'Italia una «zona a fallimento di mercato», non ha provveduto neppure allo studio di fattibilità del quadruplicamento della linea a sud di Battipaglia, necessario per il completamento del Corridoio 1 da Berlino a Palermo con infrastruttura AV/AC;
la contemporanea gestione di RFI e Trenitalia da parte del gruppo Ferrovie dello Stato appare agli interroganti non compatibile con la libera concorrenza, come ha denunciato la società «Nuovo Treno Viaggiatori - NTV» lamentando una presunta indisponibilità di RFI a concedere i binari per le indispensabili prove di pre-esercizio -:
se il Governo intenda valutare la possibilità di scorporare dal gruppo, separare e rendere autonome RFI e Trenitalia;
se intenda assumere un'iniziativa per riformare le disposizioni relative all'Autorità garante della concorrenza e del mercato al fine di prevedere che la vigilanza sulla concorrenza nei vari mercati, e, nella specie sul mercato ferroviario, sia oggetto di controllo della medesima Autorità, scongiurando un'ulteriore moltiplicazione delle autorità indipendenti.
(3-01279)