• Testo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.7/00072 [Ingresso e soggiorno di cittadini di paesi terzi nell'ambito di trasferimenti intrasocietari]



Atto Senato

Risoluzione in Commissione 7-00072 presentata da PASQUALE GIULIANO
mercoledì 29 settembre 2010, seduta n.173

La Commissione lavoro, previdenza sociale,
esaminata ai sensi dell'articolo 144, comma 1, del Regolamento, la proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle condizioni di ingresso e soggiorno di cittadini di paesi terzi nell'ambito di trasferimenti intrasocietari,
premesso che la proposta di direttiva si colloca nell'ambito delle misure volte a disciplinare l'immigrazione illegale e che il settore dei trasferimenti intrasocietari è disciplinato soltanto in modo parziale dalla legislazione europea vigente;
considerato il lavoratore trasferito (manager o specialista) può prestare il proprio servizio per un periodo massimo di 3 anni e, in applicazione della direttiva 2003/86/CE, può chiedere il permesso di soggiorno anche per i propri familiari a titolo di ricongiungimento;
valutato che i datori di lavoro possono impiegare cittadini di paesi terzi, accertata la effettiva impossibilità di impiegare cittadini dell'Unione, e che gli Stati membri possono stabilire quote massime di ammissione;
considerato che la proposta è conforme ai principi di sussidiarietà e che, pur lasciando ampi margini di autonomia, vincola gli Stati membri al raggiungimento degli obiettivi in essa contenuti, attraverso criteri e procedure ben definite;
rilevato che la proposta è conforme al principio di proporzionalità,
si esprime in senso favorevole.
(7-00072)
GIULIANO