• Testo interrogazione a risposta orale

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/01259 [Incolumità fisica dei giornalisti calabresi e per garantire la libera informazione in Calabria]



OCCHIUTO. - Al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che:
nei giorni scorsi è stata recapitata al giovane Ferdinando Piccolo, corrispondente de Il Quotidiano della Calabria da San Luca, che già aveva ricevuto una prima intimidazione, una busta di colore giallo davanti alla porta di casa, a Bovalino, contenente alcuni proiettili a salve e una lettera con minacce. Nella missiva c'era scritto: «Giornalista infame che non sei altro...sei un morto che cammina. Devi smettere di scrivere da San Luca. Sei di Bovalino, e scrivi di Bovalino...»;
nello specifico il giornalista Piccolo avrebbe ricevuto il messaggio intimidatorio dopo aver scritto di una strada che collega Polsi a San Luca. Una strada da sistemare da almeno venti anni, di un appalto di 12 milioni di euro vinto nel '96 da una ditta di Crotone che era poi andata in fallimento e del subappalto concesso a un'altra ditta di San Luca il cui proprietario aveva dichiarato di non aver mai ricevuto denaro;
di Polsi e della festa della Madonna della Montagna ne hanno anche parlato lungamente i media nazionali che hanno trasmesso le immagini di un summit tra gli uomini delle cosche della 'ndrangheta nel santuario, «Un santuario - ha dichiarato il vescovo di Locri, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, - in cui si è consumata l'espressione più terribile della profanazione del sacro ed è stato fatto l'insulto più violento alla tradizione religiosa»;
trattasi dell'ultimo episodio di una lunga serie di intimidazioni, minacce, aggressioni e sequestri nei confronti di giornalisti e blogger che lavorano e vivono in Calabria, rei solo di aver riportato notizie raccolte in questura, in tribunale, in caserma: la routine del lavoro di cronista;
negli ultimi mesi in Calabria sarebbero stati oggetto «dell'attenzione» della malavita ben 12 cronisti, minacciati o avvertiti dalla mafia nel 2010, che non tollera intromissioni da parte della stampa -:
quali iniziative intenda adottare per tutelare l'incolumità fisica dei giornalisti calabresi e per garantire la libera informazione in Calabria.
(3-01259)