• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/03801 [strada statale (SS) 64]



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata lunedì 11 gennaio 2010
nell'allegato B della seduta n. 263
All'Interrogazione 4-03801 presentata da
GIANLUCA BENAMATI
Risposta. - In riferimento all'interrogazione in esame, si forniscono i seguenti elementi di risposta.
Gli interventi sulla strada statale 64 «Porrettana» - Ammodernamento della strada statale soggetta a movimenti franosi fra le località Silla (km 38+740) e Marano (km 45+814) in comune di Gaggio Montano si suddividono in due stralci.
Relativamente al primo stralcio fra le località Silla (km 38+740) e Ca' dei Ladri (km 40+400), l'Anas spa ha fatto conoscere che, a seguito di risoluzione contrattuale dei lavori di ammodernamento del tratto Anas ha proceduto alla redazione di un apposito progetto per il completamento dell'opera.
Tale progetto esecutivo, dell'importo per lavori a base d'appalto di euro 14.980.000,00, è stato approvato in linea tecnica da Anas.
Il 23 settembre 2009 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana il relativo bando di gara che prevede giorni 730 per l'ultimazione dei lavori.
Per quanto attiene il secondo stralcio fra le località Ca' dei Ladri (km 40+400) e Marano (km 45+814) si evidenzia che il progetto esecutivo per la realizzazione dei lavori di ammodernamento, redatto dall'impresa aggiudicataria dell'appalto integrato Coopsette società coop. e dell'importo complessivo di euro 61.122.842,00 per lavori, è stato approvato dall'Anas nel luglio 2008. I relativi lavori sono regolarmente in corso con un avanzamento pari al 7 per cento circa.

Per quanto riguarda quindi il collegamento autostradale tra la Valle del Setta e del Reno con l'A/1, si rappresenta che in data 27 novembre 2008, la regione Emilia Romagna ha presentato all'Anas uno studio di fattibilità per la realizzazione, con il sistema della finanza di progetto, del collegamento autostradale tra la A/1 e la Valle del Reno.
Dall'esame effettuato dall'Anas è emerso che per garantire il finanziamento dell'intervento occorrerebbe lo stanziamento di un contributo a fondo perduto per un ammontare complessivo di 30 milioni di euro e la corresponsione da parte del concedente di un pedaggio ombra per tutta la durata della concessione.
Pertanto, considerato che allo stato Anas non dispone per il collegamento di alcuno stanziamento di contributi pubblici e che la normativa in vigore nel settore autostradale non disciplina l'erogazione di pedaggi ombra a carico del concedente, si è proceduto ad effettuare alcune elaborazioni del piano economico-finanziario, nel rispetto di quanto previsto dalla delibera Cipe n. 39 del 15 giugno 2007.
Tali elaborazioni sono finalizzate ad eliminare il pedaggio ombra ed a ridurre l'entità del contributo pubblico, con conseguente aumento della tariffa a carico dell'utente, garantendo l'equilibrio economico finanziario.
I relativi risultati sono stati rappresentati alla regione Emilia Romagna la quale ha evidenziato l'esigenza di procedere ad un aggiornamento dello studio trasportistico, a suo tempo effettuato dalla provincia di Bologna, i cui risultati dovranno essere condivisi con l'Anas.

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti: Altero Matteoli.