• C. 3490 Proposta di legge presentata il 19 maggio 2010

link alla fonte  |  scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.3490 Disposizioni per il riconoscimento della lingua italiana dei segni



XVI LEGISLATURA
CAMERA DEI DEPUTATI

   N. 3490


 

Pag. 1

PROPOSTA DI LEGGE
d'iniziativa del deputato MIGLIOLI
Disposizioni per il riconoscimento della lingua italiana dei segni
Presentata il 19 maggio 2010


      

Onorevoli Colleghi! — I sordi in Italia sono oltre 70.000: in questa cifra sono inclusi sia coloro che sono nati sordi o che sono diventati sordi nei primi anni di vita (e quindi non hanno potuto acquisire il linguaggio parlato come bambini udenti, a causa della sordità), sia le persone che sono diventate sorde, dopo aver appreso il linguaggio parlato.
      Specie per i primi, che possono imparare la lingua parlata solo dopo un iter di riabilitazione, è molto importante disporre della lingua italiana dei segni (LIS), che ha una propria specificità morfologica, sintattica e lessicale.
      La LIS consente ai bambini sordi un pieno sviluppo cognitivo nell'ambito della propria comunità che includa sia persone sorde che udenti. Tale sviluppo è la base per un pieno accesso all'istruzione, alla cultura e all'inserimento lavorativo e sociale. La lingua dei segni infatti è la lingua naturale delle persone sorde perché la sua modalità visivo-gestuale può essere acquisita in modo spontaneo dai bambini sordi con le stesse tappe del linguaggio parlato.
      In Italia, la prima ricerca sulla LIS si è svolta negli anni ottanta presso l'Istituto di psicologia del Consiglio nazionale delle ricerche in collaborazione con alcuni ricercatori sordi che hanno cominciato ad indagare sulla loro competenza nativa in una lingua che non erano mai stati abituati a considerare tale. A questa prima ricerca sono seguite altre di stretta connessione con quelle di altri Paesi europei ed extraeuropei.
      Ormai esistono in Italia, così come in tanti altri Paesi europei ed extraeuropei, dizionari delle lingue dei segni e molte
 

Pag. 2

pubblicazioni, alle quali hanno contribuito anche ricercatori sordi, che analizzano dimensioni diverse, linguistiche, storiche e socio-linguistiche, della LIS.
      Si rileva che nel corso degli ultimi anni la presenza degli interpreti della lingua dei segni alla RAI-Radiotelevisione italiana Spa ha contribuito ad accrescere la cultura e l'informazione dei sordi e che analoghe funzioni saranno sempre più richieste in contesti educativi, legali, di assistenza sanitaria e molti altri.
      Esistono già alcune leggi che costituiscono riferimenti fondamentali per l'inserimento sociale, educativo e lavorativo delle persone sorde, quali, ad esempio:

          la legge quadro 5 febbraio 1992, n. 104, per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone portatrici di handicap;

          il testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, parte II, titolo VII, capo IV, sezione I, paragrafo I, sul diritto all'educazione, all'istruzione e all'integrazione dell'alunno portatore di handicap;

          la legge 12 marzo 1999, n. 68, recante norme per il diritto al lavoro dei disabili e il relativo regolamento di esecuzione, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 2000, n. 333.

      Esistono anche, in tale senso, importanti atti delle istituzioni europee:

          comunicazione della Commissione al Consiglio del 29 ottobre 1981 sull'integrazione sociale dei minorati (Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee n. C347 del 31 dicembre 1981) e risoluzione del Consiglio del 21 dicembre 1981 sullo stesso argomento (Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee n. C347 del 31 dicembre 1981);

          risoluzione del Parlamento europeo del 13 novembre 1985 sull'Europa dei cittadini (Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee n. C345 del 12 dicembre 1985);

          risoluzioni del Parlamento europeo del 17 giugno 1988 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee n. C187 del 18 luglio 1988) e del 18 novembre 1998 (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee n. C379 del 7 dicembre 1998).

 

Pag. 3


PROPOSTA DI LEGGE
Art. 1.

      1. In applicazione degli articoli 3 e 6 della Costituzione e in ottemperanza alle risoluzioni del Parlamento europeo del 17 giugno 1988, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee n. C187 del 18 luglio 1988, e del 18 novembre 1998, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee n. C379 del 7 dicembre 1998, la lingua italiana dei segni (LIS) è riconosciuta come lingua della comunità dei sordi, con la previsione delle competenze, provvidenze e tutele conseguenti a tale riconoscimento.
      2. Con regolamento, ai sensi dell'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, sono emanate, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, sentito l'Ente nazionale per la protezione e l'assistenza dei sordi, le relative norme di attuazione.