• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/07522 [Proteste del personale del carcere di Pavia]



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-07522 presentata da RITA BERNARDINI
mercoledì 9 giugno 2010, seduta n.334
BERNARDINI, BELTRANDI, FARINA COSCIONI, MECACCI, MAURIZIO TURCO e ZAMPARUTTI. - Al Ministro della giustizia. - Per sapere - premesso che:

sul quotidiano La Provincia Pavese del giorno 4 giugno 2010 è uscito un articolo intitolato: «Polizia penitenziaria in protesta, agenti rifiutano la mensa di servizio del carcere»;

l'articolo dà conto dello stato di agitazione indetto dalla polizia penitenziaria nel carcere di Pavia, dove i Baschi Azzurri hanno cominciato lo «sciopero della mensa», atteso che da lunedì 7 giugno 2010 il personale di polizia penitenziaria non mangerà più alla mensa di servizio del carcere;

lo sciopero della mensa è il primo passo dello stato di agitazione, visto e considerato che la polizia penitenziaria ha già preannunciato la possibilità «di porre in atto altre e più eclatanti forme di protesta»;

secondo i sindacati nel carcere di Pavia «dovrebbero esserci 285 agenti di polizia penitenziaria; attualmente sono in organico in 214, ma di questi circa 40 sono assenti a vario titolo, distaccati presso altre sedi per vari motivi o a disposizione dell'ospedale militare. In pratica, ci vorrebbero 110 persone in più. Tanto che il personale continua a lavorare in emergenza e a livelli minimi di sicurezza. Ad esempio è consuetudine che un operatore penitenziario debba lavorare da solo in sezione con un rapporto agente/detenuto di 1 a 50. Gli agenti arrivano a fare 35-40 ore di straordinari al mese»;

i sindacati sottolineano anche il problema del sovraffollamento: a Pavia ci dovrebbero essere 250 detenuti e invece ce ne sono 440, senza dimenticare l'introduzione della terza branda. Una brandina da campeggio, pieghevole, che si apre la sera e si mette via al mattino;

l'istituto penitenziario in questione è fatiscente, ci sono infiltrazioni d'acqua praticamente dappertutto, scale senza l'antiscivolo, impianti elettrici approssimativi -:

quali provvedimenti il Ministro intenda adottare per far fronte alle gravi carenze di organico del personale penitenziario in servizio presso la casa circondariale di Pavia;

quali provvedimenti il Ministro intenda adottare per affrontare e risolvere la condizione di pesante sovraffollamento del carcere di Pavia. (4-07522)