• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/07274 [Rimozione della statua raffigurante Giuseppe Mazzini a Carrara]
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-07274 presentata da GIORGIO LA MALFA
giovedì 20 maggio 2010, seduta n.325
LA MALFA. - Al Ministro per i beni e le attività culturali. - Per sapere - premesso che:

il comune di Carrara ha autorizzato la rimozione della statua raffigurante Giuseppe Mazzini da una delle principali piazze del centro cittadino al fine di consentire la realizzazione di una diversa struttura sia pure provvisoria;

la Soprintendenza ai beni artistici per le province di Lucca e Massa Carrara è stata chiamata ad una verifica della fattibilità dell'operazione;

la statua di Mazzini è al suo posto dal 1892 e rappresenta l'omaggio della collettività dei lavoratori mazziniani di Carrara, in particolare dei lavoratori del marmo, verso l'ispiratore della loro formazione politica, oltre che primo assertore dell'unità e dell'indipendenza italiana;

il sindaco di Carrara ha affermato che la città deve accettare la proposta di sostituzione dello scultore Cattelan per guardare oltre i suoi confini, senza tener presente che è proprio la figura di Mazzini, punto di riferimento della democrazia universale e della fratellanza tra i popoli, a proiettare Carrara in una dimensione internazionale (e non da oggi);

vivaci proteste si sono manifestate sulla stampa e sui media anche informatici da parte della cittadinanza e di numerosi sodalizi, tra cui l'Associazione mazziniana italiana sia attraverso la sezione di Carrara che la direzione nazionale, nonché il Partito repubblicano italiano;

Carrara è la città-capoluogo che il 2 giugno 1946 diede la più elevata percentuale di suffragi per la Repubblica;

quanto alla sostituzione della statua di Mazzini con una di Bettino Craxi, indipendentemente dalla valenza artistica, che sarebbe da dimostrare, l'operazione avrebbe un carattere, ad avviso dell'interrogante, meramente provocatorio;

le preventive critiche all'esercizio di una censura sulla libera creatività artistica rasentano l'incredibile da parte di amministratori locali che dovrebbero avere a cuore la memoria storica della propria comunità;

la tutela di un bene culturale non ha natura solo fisica, ma si estende al contesto su cui insiste -:

come il Governo intenda garantire la difesa della storia e della cultura dell'Italia e di Carrara, nell'imminenza del centocinquantenario dell'Unità nazionale, attraverso l'esercizio da parte del competente organo periferico delle sue prerogative di vigilanza e controllo e quali direttive intenda impartire a tal fine.(4-07274)