• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/03153 [Garantire i livelli occupazionali senza gravare in maniera significativa sugli stipendi dei lavoratori nella Burgo Group]
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-03153 presentata da GIULIO CAMBER
giovedì 13 maggio 2010, seduta n.379

CAMBER - Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali e dello sviluppo economico - Premesso che:

a San Giovanni di Duino, in provincia di Trieste, è attiva da decenni una delle cartiere del Burgo Group, il principale produttore sud-europeo di carte grafiche per la stampa;

la contingente situazione dei mercati e il conseguente crollo degli ordini stanno generando difficoltà tali da aver indotto l'azienda a fermare la cosiddetta "Linea 1", dedita alla produzione di carta patinata a grana grossa;

il calo delle vendite degli ultimi due anni aveva già significato per l'azienda, fra il 2008 e il 2009, il ricorso alla cassa integrazione, ma, una volta esaurito il monte-ore a disposizione, l'azienda e i sindacati avevano siglato un accordo secondo il quale si sarebbe adottato un orario ridotto di lavoro fino a dicembre 2009 (con una conseguente riduzione dello stipendio di circa 200 euro/mese), mentre dal 1° gennaio 2010 si sarebbe ricorsi ai contratti di solidarietà, i quali avrebbero consentito di superare il regime di riduzione dell'orario di lavoro e di salario che aveva costretto molti lavoratori a compensare la riduzione di stipendio con l'anticipo del trattamento di fine rapporto;

peraltro le condizioni poste dall'azienda per sottoscrivere i contratti di solidarietà appaiono, secondo i sindacati, vessatorie: infatti l'accordo sull'organizzazione del lavoro prevede flessibilità interna, modifica dei parametri di valutazione del lavoratore, perdita dell'anzianità di reparto e dell'anzianità di assunzione, eliminazione del servizio di mensa,

si chiede di sapere quali iniziative si possano adottare, nei limiti della contingente realtà economica nazionale ed europea, per garantire i livelli occupazionali senza gravare in maniera significativa sugli stipendi dei lavoratori, tenuto conto che, in passato, l'azienda avrebbe beneficiato di contributi pubblici a sostegno delle proprie linee di produzione.

(4-03153)