• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/02859 [Corpo guardiani della rivoluzione iraniana (IRGC) nella lista delle organizzazioni terroristiche dell'Unione europea]



Atto Camera

Interrogazione a risposta in Commissione 5-02859 presentata da FIAMMA NIRENSTEIN
giovedì 6 maggio 2010, seduta n.318
NIRENSTEIN, LA MALFA, COLOMBO, CORSINI, RENATO FARINA e MALGIERI. - Al Ministro per gli affari esteri. - Per sapere - premesso che:

in questi giorni è stata promossa una petizione, sottoscritta da numerosi parlamentari di vari partiti provenienti da Germania, Spagna, Italia, Svezia, Francia, Olanda e Inghilterra, che richiede all'Unione europea di inserire il Corpo guardiani della rivoluzione iraniana (IRGC) nella propria lista delle organizzazioni terroristiche. La petizione sostiene che l'Unione europea, in quanto partner economico di primaria importanza per l'Iran, si trovi in una posizione di reale influenza e quindi di concreto sostegno anche alla dissidenza interna iraniana. Una mozione in tal senso è stata approvata all'unanimità dal Parlamento olandese nel novembre 2009;

l'IRGC, costituisce, sin dall'inizio della rivoluzione islamica del 1979, uno dei principali strumenti di repressione del regime iraniano, la cui influenza è radicata in ogni aspetto della vita politica, militare, economica e sociale dell'Iran;

in quanto organo da cui dipendono le forze paramilitari dei Basiji, l'IRGC ha giocato un ruolo di primo piano durante le repressioni nel sangue delle proteste popolari, avvenute a seguito delle elezioni presidenziali del giugno scorso; dall'inizio del primo mandato dell'attuale presidente Mahmoud Ahmadinejad, in quale ha iniziato la propria carriera proprio tra le file di tale organizzazione, l'IRGC continua a potenziare il proprio ruolo come principale organo del presente regime iraniano;

l'IRGC controlla una larga parte delle attività economiche dell'Iran e, in particolare, il settore militare e quello dello sviluppo nucleare;

tale organizzazione è particolarmente attiva nella promozione del terrorismo internazionale, in particolare attraverso il sostegno diretto a Hamas, Hezbollah e alle milizie anti-Occidentali attive in Iraq;

per tali ragioni, e in particolare a causa del coinvolgimento dell'IRGC nella fornitura di armi a Hezbollah e dell'attività nel settore nucleare, nel 2007 gli Stati Uniti hanno inserito il Corpo delle guardie rivoluzionarie iraniane nella lista delle «organizzazioni con attività di proliferazione nucleare» del Dipartimento di Stato (Executive Order 13382, 25 ottobre 2007). Le Forze Quds, un'unità di élite dell'IRGC, incaricata delle operazioni extraterritoriali, è stata altresì inclusa nella lista delle organizzazioni che supportano il terrorismo, per via del sostegno agli estremisti in Iraq, Libano e Afghanistan (Executive Order 13224, 25 ottobre 2007, Ministero del tesoro americano); l'effetto di tali designazioni è l'isolamento finanziario delle organizzazioni in questione;

nel 2003, il Governo italiano, con l'attuale Ministro degli esteri, si fece promotore, con successo, dell'inserimento di Hamas nella lista delle organizzazioni terroristiche dell'Unione europea -:

quale sia la posizione del Governo italiano rispetto alla possibilità di includere il Corpo delle guardie della rivoluzione iraniana nella lista delle organizzazioni terroristiche dell'Unione europea;

se il Governo italiano intenda promuovere un'azione atta a discutere l'azione del Corpo delle guardie rivoluzionarie iraniane e in definitiva, una volta verificatane le responsabilità, finalizzata a introdurlo nella lista delle organizzazioni terroristiche dell'Unione europea. (5-02859)