• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/06670 MISTRELLO DESTRO. - Al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che: la risoluzione prot. n. 363413 Ministero dell'economia e delle finanze del 13 marzo 1978...
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-06670 presentata da GIUSTINA MISTRELLO DESTRO
mercoledì 31 marzo 2010, seduta n.303
MISTRELLO DESTRO. - Al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che:

la risoluzione prot. n. 363413 Ministero dell'economia e delle finanze del 13 marzo 1978 (allegato 11) dispone che al solfato di rame indipendentemente dagli usi è applicata un'aliquota del 6 per cento poi elevata al 10 per cento;

l'aliquota del 10 per cento risulta adeguata visto che il solfato di rame è alla base della produzione della poltiglia bordolese, ovvero il verderame, anticrittogamico per eccellenza, utilizzato soprattutto nella difesa dei vigneti degli attacchi della peronospora;

il solfato di rame e l'ossicloruro di rame, impiegati quali fitosanitari e commercializzati con l'applicazione dell'IVA pari al 10 per cento, vengono però considerati da alcune aziende del settore come fertilizzanti e, dunque, importati, acquisiti e venduti con un'aliquota del 4 per cento;

è necessario uniformare il comportamento degli operatori nell'ambito dell'applicazione delle aliquote IVA relative all'importazione ed alla vendita dei prodotti succitati, allo scopo di evitare frodi commerciali relative all'etichettatura che permette di distinguere chiaramente un concime da un fitofarmaco, impedire distorsioni di mercato causate da una concorrenza sleale, nonché tutelare gli interessi erariali che potrebbero essere lesi da una errata applicazione di una aliquota IVA agevolata;

tale modalità di tassazione difforme ha determinato tra l'altro una diminuzione delle vendite e purtroppo anche il licenziamento di molti operai -:

se non si ritenga assolutamente urgente e indispensabile disporre che sia sempre applicata la medesima aliquota del 10 per cento sul solfato di rame onde evitare l'insorgere della concorrenza sleale e di disordine amministrativo, qualunque sia l'impiego della sostanza.(4-06670)