• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/06580 [ Ricerche sulla fusione fredda effettuate dal centro ENEA di Frascati]



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-06580 presentata da ELISABETTA ZAMPARUTTI
giovedì 18 marzo 2010, seduta n.301
ZAMPARUTTI, BELTRANDI, BERNARDINI, FARINA COSCIONI, MECACCI e MAURIZIO TURCO. - Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. - Per sapere - premesso che:

esistono ricerche sulla fusione fredda, quale possibilità di ottenere abbondante energia pulita a basso costo;

il fenomeno fisico della fusione fredda, che avviene in celle elettrolitiche adoperando il metodo di Fleischmann e Pons, o varianti come quelle suggerite da Giuliano Preparata e come replicata dal nostro gruppo all'ENEA di Frascati, risulterebbe provato nelle sue linee essenziali mentre non è ancora risolto pienamente il problema della captazione dell'energia prodotta, che viene emessa in modo molto repentino. In altre parole, a livello scientifico è tutto pronto, manca solo l'ingegnerizzazione del processo;

spetta ora agli ingegneri mettere a punto un metodo per l'utilizzo pratico della fusione fredda;

secondo esperti del settore, avendo a disposizione fondi e personale tecnico adeguato, per arrivare ad utilizzare concretamente energia dalla fusione fredda occorrerebbero al massimo 5-10 anni, certamente un tempo molto ridotto rispetto a quello che occorre per l'Iter (International thermonuclear experimental reactor), progetto di fusione calda per cui è previsto un tempo di realizzazione di 40-50 anni -:

se il Ministro interrogato sia al corrente di quanto sopra esposto;

se risultino risorse e di che entità per la ricerca in questo settore;

se e come intenda sostenere l'ingegnerizzazione del processo. (4-06580)