• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.3/01221 MARCUCCI - Al Ministro per i beni e le attività culturali - Premesso che: la Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici per le province...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-01221 presentata da ANDREA MARCUCCI
martedì 16 marzo 2010, seduta n.352

MARCUCCI - Al Ministro per i beni e le attività culturali - Premesso che:

la Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici per le province di Lucca e Massa Carrara è stata istituita nel settembre 2004 dal ministro Giuliano Urbani e confermata nelle successive riorganizzazioni delle articolazioni periferiche del Ministero;

la creazione di tale Soprintendenza originò dalla constatazione della complessità, ricchezza e diffusione del patrimonio artistico e dell'importanza paesaggistica delle province di Lucca e Massa Carrara, per cui apparve necessario garantire la presenza della sede dirigenziale sul territorio per meglio adempiere le funzioni di tutela e salvaguardia;

fino a tutto il 28 febbraio 2010 l'incarico di Soprintendente risultava ricoperto ad interim dall'architetto Guglielmo Malchiodi, titolare della Soprintendenza di Pisa e Livorno e, a seguito della cessazione dal servizio dello stesso Malchiodi, in data 1° marzo 2010 il Ministro ha affidato il medesimo incarico, di nuovo ad interim con Pisa, all'architetto Agostino Bureca, Soprintendente anche di Arezzo,

si chiede di sapere quali provvedimenti il Ministro in indirizzo intenda adottare per procedere finalmente ad una nomina dirigenziale stabile che ponga fine al susseguirsi degli incarichi ad interim, il cui protrarsi nel tempo, indipendentemente dalle capacità e dalla professionalità dei dirigenti di volta in volta chiamati a supplire alla carenza del titolare in via esclusiva dell'incarico, rischia di pregiudicare l'autorevolezza dell'istituzione e di provocarne un vero e proprio declassamento e depotenziamento, in totale contrasto con le oggettive esigenze di un territorio tanto delicato e artisticamente rilevante.

(3-01221)