• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/06187 FADDA, CALVISI, MARROCU, MELIS, ARTURO MARIO LUIGI PARISI, PES e SCHIRRU. - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. - Per sapere - premesso che: a seguito...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-06187 presentata da PAOLO FADDA
giovedì 18 febbraio 2010, seduta n.285
FADDA, CALVISI, MARROCU, MELIS, ARTURO MARIO LUIGI PARISI, PES e SCHIRRU. - Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. - Per sapere - premesso che:

a seguito dell'emanazione del decreto ministeriale 5 febbraio 2010 «Scuole di specializzazione, assegnazione contratti relativi all'anno accademico 2009/2010» è ragionevole prevedere anche per quest'anno ciò che è già successo in passato, ovvero che i laureati nella sessione di dicembre 2008 e di marzo 2009, per soli pochi giorni non hanno potuto accedere alla scuola e hanno dovuto attendere ben più di un anno per poter intraprendere l'ultimo tratto del cammino formativo di medico;

per l'anno 2010 l'aver anticipato l'inizio delle attività didattiche delle scuole di specializzazione mediche al 17 maggio e aver stabilito al 14 luglio la data della prova scritta dell'esame di Stato, di fatto esclude i laureati della sessione dicembre 2009 e di marzo 2010 dal concorso di ammissione alle scuole di specializzazione anno 2010;

il decreto ministeriale richiamato determina di fatto una ingiustizia nei confronti dei medici, che comunque otterranno l'abilitazione entro il 14 luglio 2010, in quanto agli stessi non è consentito nemmeno accedere con riserva al concorso;

ogni anno un certo numero di posti a concorso rimangono vacanti e la riassegnazione di tali contratti alle varie scuole di specializzazione avviene nel periodo successivo all'inizio dell'anno accademico, quindi - nel caso di specie - dopo che anche i laureati della sessione di dicembre 2009 e di marzo 2010 hanno conseguito l'abilitazione -:

quali siano le ragioni che hanno portato, anche quest'anno, all'ingiusta esclusione di tale categoria di medici;

se il Ministro intenda assumere i provvedimenti necessari a porre rimedio a tale situazione.(4-06187)