• Testo DDL 1791-B

link alla fonte  |  scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.1791-B [Legge di Bilancio 2010] Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2010 e bilancio pluriennale per il triennio 2010 - 2012





Legislatura 16º - Disegno di legge N. 1791-B


 
 

Senato della Repubblica

XVI LEGISLATURA

 

N. 1791-B
 
 
 

 

DISEGNO DI LEGGE

presentato dal Ministro dell’economia e delle finanze (TREMONTI)

(V. Stampato n. 1791)

approvato dal Senato della Repubblica il 13 novembre 2009

(V. Stampato Camera n. 2937)

modificato dalla Camera dei deputati il 17 dicembre 2009

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza
il 18 dicembre 2009

Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2010
e bilancio pluriennale per il triennio 2010-2012

 

 

DISEGNO DI LEGGE

DISEGNO DI LEGGE

Approvato dal Senato della Repubblica

Approvato dalla Camera dei deputati

—-

—-

Art. 1.

Art. 1.

(Stato di previsione dell’entrata
e disposizioni relative)

(Stato di previsione dell’entrata
e disposizioni relative)

    1. L’ammontare delle entrate previste per l’anno finanziario 2010, relative a imposte, tasse, contributi di ogni specie e ogni altro provento, accertate, riscosse e versate nelle casse dello Stato, in virtù di leggi, decreti, regolamenti e di ogni altro titolo, risulta dall’annesso stato di previsione dell’entrata (Tabella n. 1).

    Identico
    
(Per le modifiche alla Tabella n. 1, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

Art. 2.

Art. 2.

(Stato di previsione del Ministero
dell’economia e delle finanze
e disposizioni relative)

(Stato di previsione del Ministero
dell’economia e delle finanze
e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 2).

    1. Identico.
    (Per le modifiche alla Tabella n. 2, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, fra gli stati di previsione delle varie amministrazioni statali i fondi da ripartire iscritti nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, nell’ambito della missione «fondi da ripartire», programma «fondi da assegnare», nonché nell’ambito della missione «diritti sociali, politiche sociali e famiglia», programma «protezione sociale per particolari categorie». Il Ministro dell’economia e delle finanze è, altresì, autorizzato ad apportare, con propri decreti, ai bilanci delle aziende autonome le variazioni connesse con le ripartizioni di cui al presente comma.

    2.  Identico.

    3. L’importo massimo di emissione di titoli pubblici, in Italia e all’estero, al netto di quelli da rimborsare e di quelli per regolazioni debitorie, è stabilito in 69.000 milioni di euro.

    3.  Identico.

    4. I limiti di cui all’articolo 6, comma 9, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, concernente gli impegni assumibili dalla SACE Spa – Servizi assicurativi del commercio estero, sono fissati per l’anno finanziario 2010, rispettivamente, in 14.000 milioni di euro per le garanzie di durata sino a ventiquattro mesi e in 8.000 milioni di euro per le garanzie di durata superiore a ventiquattro mesi.

    4.  Identico.

    5. La SACE Spa è altresì autorizzata, per l’anno finanziario 2010, a rilasciare garanzie e coperture assicurative relativamente alle attività di cui all’articolo 11-quinquies, comma 4, del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80, entro una quota massima del 30 per cento di ciascuno dei limiti indicati al comma 4 del presente articolo.

    5.  Identico.

    6. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, al trasferimento ad altre unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010 delle somme iscritte, per competenza e cassa, nell’unità previsionale di base «oneri del debito pubblico» del programma «oneri per il servizio del debito statale», nell’ambito della missione «debito pubblico» del medesimo stato di previsione, in relazione agli oneri connessi alle operazioni di ricorso al mercato.

    6.  Identico.

    7. Gli importi dei fondi previsti dagli articoli 7, 8, 9 e 9-bis della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni, inseriti nelle unità previsionali di base «oneri comuni di parte corrente» e «oneri comuni di conto capitale» del programma «fondi di riserva e speciali», nell’ambito della missione «fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, sono stabiliti, rispettivamente, in 1.000 milioni di euro, 1.200 milioni di euro, 1.500 milioni di euro, 812.732.983 euro e 15.000 milioni di euro.

    7. Gli importi dei fondi previsti dagli articoli 7, 8, 9 e 9-bis della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni, inseriti nelle unità previsionali di base «oneri comuni di parte corrente» e «oneri comuni di conto capitale» del programma «fondi di riserva e speciali», nell’ambito della missione «fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, sono stabiliti, rispettivamente, in 1.000 milioni di euro, 1.200 milioni di euro, 1.500 milioni di euro, 808.422.983 euro e 15.000 milioni di euro.

    8. Per gli effetti di cui all’articolo 7 della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni, sono considerate spese obbligatorie e d’ordine quelle descritte nell’elenco n. 1, annesso allo stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze.

    8.  Identico.

    9. Con decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare in applicazione del disposto dell’articolo 12, commi primo e secondo, della legge 5 agosto 1978, n. 468, sono iscritte, nell’ambito delle pertinenti unità previsionali di base delle amministrazioni interessate, le spese descritte, rispettivamente, negli elenchi nn. 2 e 3, annessi allo stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze.

    9.  Identico.

    10. Le spese per le quali può esercitarsi la facoltà prevista dall’articolo 9 della legge 5 agosto 1978, n. 468, sono indicate nell’elenco n. 4, annesso allo stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze.

    10.  Identico.

    11. Gli importi di compensazione monetaria riscossi negli scambi fra gli Stati membri dell’Unione europea sono versati nell’ambito dell’unità previsionale di base «accisa e imposta erariale su altri prodotti» (entrate derivanti dall’attività di accertamento e controllo) dello stato di previsione dell’entrata. Corrispondentemente la spesa per contributi da corrispondere all’Unione europea in applicazione del regime delle «risorse proprie» (decisione 2000/597/CE/Euratom del Consiglio, del 29 settembre 2000, e decisione 2007/436/CE/Euratom del Consiglio, del 7 giugno 2007) nonché per importi di compensazione monetaria è imputata nell’unità previsionale di base «interventi» del programma «partecipazione italiana alle politiche di bilancio in ambito UE», nell’ambito della missione «l’Italia in Europa e nel mondo» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, sul conto di tesoreria denominato: «Ministero del tesoro – FEOGA, Sezione garanzia».

    11.  Identico.

    12. Gli importi di compensazione monetaria accertati nei mesi di novembre e dicembre 2009 sono riferiti alla competenza dell’anno 2010 ai fini della correlativa spesa da imputare nell’ambito dell’unità previsionale di base, di cui al comma 11, dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze.

    12.  Identico.

    13. Le somme iscritte nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, nelle pertinenti unità previsionali di base relative ai seguenti fondi da ripartire, non utilizzate al termine dell’esercizio, sono conservate nel conto dei residui per essere utilizzate nell’esercizio successivo: Fondo da ripartire per l’attuazione dei contratti e Fondo da ripartire per fronteggiare le spese derivanti dalle eventuali assunzioni di personale a tempo indeterminato per le Amministrazioni dello Stato da autorizzare in deroga al divieto di assunzione; Fondo occorrente per l’attuazione dell’ordinamento regionale delle regioni a statuto speciale; Fondo da ripartire per il funzionamento del Comitato tecnico faunistico-venatorio nazionale. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire tra le pertinenti unità previsionali di base delle amministrazioni interessate, con propri decreti, le somme conservate nel conto dei residui dei predetti Fondi.

    13.  Identico.

    14. Ai fini dell’attuazione dell’articolo 48 della legge 20 maggio 1985, n. 222, l’utilizzazione dello stanziamento concernente l’8 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche di pertinenza dello Stato, di cui all’unità previsionale di base «interventi» del programma «fondi da assegnare», nell’ambito della missione «fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, è stabilita con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da emanare entro trenta giorni dalla richiesta di parere alle competenti Commissioni parlamentari. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

    14.  Identico.

    15. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione all’unità previsionale di base «rimborso del debito pubblico» del programma «rimborsi del debito statale», nell’ambito della missione «debito pubblico» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, delle somme affluite all’entrata del bilancio dello Stato per essere destinate ad alimentare il fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato.

    15.  Identico.

    16. Ai fini della compensazione sui fondi erogati per la mobilità sanitaria in attuazione dell’articolo 12, comma 3, lettera b), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione all’unità previsionale di base «interventi» del programma «concorso dello Stato al finanziamento della spesa sanitaria», nell’ambito della missione «relazioni finanziarie con le autonomie territoriali» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, delle somme versate all’entrata del bilancio dello Stato dalle regioni e dalle province autonome di Trento e di Bolzano.

    16.  Identico.

    17. Le somme dovute dagli istituti di credito ai sensi dell’articolo 5 della legge 7 marzo 2001, n. 62, sono versate nell’ambito della unità previsionale di base «restituzione, rimborsi, recuperi e concorsi vari» (altre entrate) dello stato di previsione dell’entrata (cap. 3689), per essere correlativamente iscritte, in termini di competenza e cassa, con decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, nell’unità previsionale di base «oneri comuni di parte corrente» del programma «sostegno all’editoria», nell’ambito della missione «comunicazioni» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze.

    17.  Identico.

    18. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione nell’unità previsionale di base «oneri comuni di parte corrente» del programma «promozione dei diritti e delle pari opportunità», nell’ambito della missione «diritti sociali, politiche sociali e famiglia» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, delle somme affluite all’entrata del bilancio dello Stato per contributi destinati dall’Unione europea alle attività poste in essere dalla Commissione nazionale per le pari opportunità tra uomo e donna in accordo con l’Unione europea.

    18.  Identico.

    19. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, al trasferimento delle somme occorrenti per l’effettuazione delle elezioni politiche, amministrative e del Parlamento europeo e per l’attuazione dei referendum dall’unità previsionale di base «oneri comuni di parte corrente» del programma «fondi da assegnare», nell’ambito della missione «fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, alle competenti unità previsionali di base degli stati di previsione del medesimo Ministero dell’economia e delle finanze e dei Ministeri della giustizia, degli affari esteri e dell’interno per lo stesso anno finanziario, per l’effettuazione di spese relative a competenze spettanti ai componenti i seggi elettorali, a nomine e notifiche dei presidenti di seggio, a compensi per lavoro straordinario, a compensi agli estranei all’amministrazione, a missioni, a premi, a indennità e competenze varie spettanti alle Forze di polizia, a trasferte e trasporto delle Forze di polizia, a rimborsi per facilitazioni di viaggio agli elettori, a spese di ufficio, a spese telegrafiche e telefoniche, a fornitura di carta e stampa di schede, a manutenzione e acquisto di materiale elettorale, a servizio automobilistico e ad altre esigenze derivanti dall’effettuazione delle predette consultazioni elettorali.

    19.  Identico.

    20. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, a trasferire, per l’anno 2010, alle unità previsionali di base del titolo III (Rimborso di passività finanziarie) degli stati di previsione delle amministrazioni interessate le somme iscritte, per competenza e cassa, nell’ambito dell’unità previsionale di base «rimborso del debito pubblico» del programma «rimborsi del debito statale», nell’ambito della missione «debito pubblico» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, in relazione agli oneri connessi alle operazioni di rimborso anticipato o di rinegoziazione dei mutui con onere a totale o parziale carico dello Stato.

    20.  Identico.

    21. Nell’elenco n. 7, annesso allo stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, sono indicate le spese per le quali possono effettuarsi, per l’anno finanziario 2010, prelevamenti dal fondo a disposizione, di cui all’articolo 9, comma 4, della legge 1º dicembre 1986, n. 831, iscritto nelle unità previsionali di base «funzionamento» del programma «prevenzione e repressione delle frodi e delle violazioni agli obblighi fiscali», nell’ambito della missione «politiche economico-finanziarie e di bilancio», nonché del programma «concorso della Guardia di Finanza alla sicurezza pubblica», nell’ambito della missione «ordine pubblico e sicurezza», del medesimo stato di previsione.

    21.  Identico.

    22. Il numero massimo degli ufficiali ausiliari del Corpo della guardia di finanza di cui alla lettera c) del comma 1 dell’articolo 21 del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215, da mantenere in servizio nell’anno 2010, ai sensi del comma 3 del medesimo articolo 21, è stabilito in 70 unità.

    22.  Identico.

    23. Per l’anno 2010, l’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato è autorizzata ad accertare e riscuotere le entrate nonché a impegnare e a pagare le spese in conformità agli stati di previsione annessi a quello del Ministero dell’economia e delle finanze (Appendice n. 1).

    23.  Identico.

    24. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad effettuare, con propri decreti, variazioni compensative, in termini di competenza e cassa, tra lo stanziamento di bilancio relativo al «Fondo sanitario nazionale» (cap. 2700) e quello relativo alle «Somme da erogare alle regioni a statuto ordinario a titolo di compartecipazione dell’IVA» (cap. 2862) dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, in relazione alle deliberazioni annuali del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) ai sensi dell’articolo 39, comma 1, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446.

    24.  Identico.

    25. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, su proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, le variazioni compensative di bilancio occorrenti per trasferire, alla pertinente unità previsionale di base dello stato di previsione del predetto Ministero, i fondi per il funzionamento delle Commissioni che gestiscono il Fondo integrativo speciale per la ricerca (FISR), istituito in attuazione del decreto legislativo 5 giugno 1998, n. 204.

    25.  Identico.

    26. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad assegnare alle pertinenti unità previsionali di base, anche di nuova istituzione, le somme iscritte nell’ambito dell’unità previsionale di base «interventi» del programma «incentivi alle imprese», nell’ambito della missione «competitività e sviluppo delle imprese» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, ai fini dell’utilizzazione dei fondi relativi al rimborso degli oneri di servizio pubblico sostenuti dalle imprese pubbliche, rispettivamente disciplinati dai contratti di servizio e di programma stipulati con le amministrazioni pubbliche nonché per agevolazioni concesse in applicazione di specifiche disposizioni legislative.

    26.  Identico.

    27. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alle variazioni di bilancio, anche mediante riassegnazione di fondi, occorrenti in relazione alla trasformazione della Cassa depositi e prestiti in società per azioni, prevista dall’articolo 5 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, e successive modificazioni.

    27.  Identico.

    28. Le somme iscritte nel programma «Presidenza del Consiglio dei Ministri» nell’ambito della missione «organi costituzionali, a rilevanza costituzionale e Presidenza del Consiglio dei ministri» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno finanziario 2010, destinate alla costituzione di unità tecniche di supporto alla programmazione, alla valutazione e al monitoraggio degli investimenti pubblici, possono essere versate all’entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnate negli stati di previsione delle amministrazioni interessate, in applicazione dell’articolo 1, comma 7, della legge 17 maggio 1999, n. 144.

    28.  Identico.

    29. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, in termini di residui, competenza e cassa, le variazioni compensative di bilancio occorrenti per l’attuazione dell’articolo 127 del testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, e successive modificazioni.

    29.  Identico.

Art. 3.

Art. 3.

(Stato di previsione del Ministero dello
sviluppo economico e disposizioni relative)

(Stato di previsione del Ministero dello
sviluppo economico e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero dello sviluppo economico, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 3).

    Identico
    (Per le modifiche alla Tabella n. 3, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. Gli importi dei versamenti effettuati con imputazione alle unità previsionali di base «restituzione, rimborsi, recuperi e concorsi vari» (restituzione di finanziamenti) e «altre entrate in conto capitale» (rimborso di anticipazione e riscossione di crediti) dello stato di previsione dell’entrata sono correlativamente iscritti in termini di competenza e di cassa, con decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, nei seguenti fondi iscritti nelle pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico: Fondo per la competitività e lo sviluppo; Fondo per gli interventi agevolativi alle imprese; Fondo rotativo per le imprese.

 

    3. Per l’attuazione dell’articolo 8 della legge 5 marzo 1990, n. 46, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, su proposta del Ministro dello sviluppo economico, le occorrenti variazioni all’entrata del bilancio dello Stato e allo stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico per l’anno finanziario 2010.

 

    4. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico per l’anno finanziario 2010 delle somme affluite all’entrata in relazione alle spese da sostenere per l’attuazione delle disposizioni del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n.  209, relative ai periti assicurativi.

 

    5. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, su proposta del Ministro dello sviluppo economico, alla riassegnazione nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico per l’anno finanziario 2010 delle somme affluite all’entrata del bilancio dello Stato in relazione all’articolo 2, comma 3, della legge 28 dicembre 1991, n. 421, nonché all’articolo 9, comma 5, della legge 9 gennaio 1991, n. 10.

 

    6. Le somme impegnate in relazione alle disposizioni legislative di cui all’articolo 1 del decreto-legge 9 ottobre 1993, n. 410, convertito dalla legge 10 dicembre 1993, n. 513, recante interventi urgenti a sostegno dell’occupazione nelle aree di crisi siderurgica, resesi disponibili a seguito di provvedimenti di revoca, sono versate all’entrata del bilancio dello Stato per essere riassegnate, con decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, allo stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico, ai fini di cui al citato articolo 1 del decreto-legge n. 410 del 1993.

 

    7. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, fra gli stati di previsione delle varie amministrazioni statali i fondi da ripartire iscritti nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico per l’anno finanziario 2010 nell’ambito della missione «fondi da ripartire», programma «fondi da assegnare». Il Ministro dell’economia e delle finanze è, altresì, autorizzato ad apportare, con propri decreti, ai bilanci delle aziende autonome le variazioni connesse con le ripartizioni di cui al presente comma.

 

    8. Le somme iscritte nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico per l’anno finanziario 2010 relative al Fondo da ripartire per interventi per le aree sottoutilizzate, disponibili al termine dell’esercizio, sono conservate nel conto dei residui per essere utilizzate nell’esercizio successivo. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire tra le pertinenti unità previsionali di base delle amministrazioni interessate, con propri decreti, le somme conservate nel conto dei residui del predetto Fondo.

 

    9. Ferma restando la disposizione di cui all’articolo 36 del regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, e successive modificazioni, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad effettuare, con propri decreti, le variazioni di bilancio in termini di residui, competenza e cassa, conseguenti alla ripartizione tra le amministrazioni interessate del fondo iscritto nell’unità previsionale di base «investimenti» del programma «politiche per lo sviluppo economico ed il miglioramento istituzionale delle aree sottoutilizzate», nell’ambito della missione «sviluppo e riequilibrio territoriale» dello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico, in relazione alle disposizioni di cui all’articolo 2 della legge 2 maggio 1990, n. 102, e successive modificazioni.

 

Art. 4.

Art. 4.

(Stato di previsione del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali
e disposizioni relative)

(Stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 4).

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 4).
    (Per le modifiche alla Tabella n. 4, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. Alle spese di cui al capitolo 4310 dell’unità previsionale di base «interventi» del programma «prevenzione, assistenza, indirizzo e coordinamento internazionale in materia sanitaria umana», nell’ambito della missione «tutela della salute», nonché al capitolo 3398, piano gestionale 1, dell’unità previsionale di base «interventi» del programma «ricerca per il settore della sanità pubblica e zooprofilattico», nell’ambito della missione «ricerca e innovazione», dello stato di previsione del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali si applicano, per l’anno finanziario 2010, le disposizioni contenute nel secondo comma dell’articolo 36 del regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, e successive modificazioni, sulla contabilità generale dello Stato.

    Soppresso
    (Vedi l’articolo 14, comma 2)

    3. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione delle somme versate in entrata dalle Federazioni nazionali degli ordini e dei collegi sanitari per il funzionamento della Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie alla pertinente unità previsionale di base dello stato di previsione del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali per l’anno finanziario 2010.

    Soppresso
    (Vedi l’articolo 14, comma 3)

    4. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, su proposta del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, tra le pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali per l’anno finanziario 2010, i fondi per il finanziamento delle attività di ricerca e sperimentazione dell’unità previsionale di base «interventi» del programma «ricerca per il settore della sanità pubblica e zooprofilattico», nell’ambito della missione «ricerca e innovazione» dello stato di previsione del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, in relazione a quanto disposto dall’articolo 12, comma 2, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni.

    Soppresso
    (Vedi l’articolo 14, comma 4)

    5. Ai fini dell’attuazione dell’articolo 4-bis del decreto-legge 29 dicembre 2000, n. 393, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2001, n. 27, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, su proposta dei Ministri del lavoro, della salute e delle politiche sociali, dell’interno e della difesa, tra le pertinenti unità previsionali di base degli stati di previsione dei Ministeri del lavoro, della salute e delle politiche sociali, dell’interno e della difesa il «Fondo da ripartire per la realizzazione di una campagna di monitoraggio sulle condizioni sanitarie dei cittadini italiani impegnati nell’area Bosnia-Erzegovina e Kosovo, nonché per il controllo delle sostanze alimentari importate dalla predetta area» dell’unità previsionale di base «oneri comuni di parte corrente» del programma «fondi da assegnare», nell’ambito della missione «fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali per l’anno finanziario 2010.

    Soppresso
    (Vedi l’articolo 14, comma 5)

    6. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, su proposta del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, alle variazioni di bilancio tra le pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali per l’anno finanziario 2010, occorrenti per l’attuazione delle norme contenute nell’articolo 48 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, e successive modificazioni.

    Soppresso
    (Vedi l’articolo 14, comma 6)

Art. 5.

Art. 5.

(Stato di previsione
del Ministero della giustizia
e disposizioni relative)

(Stato di previsione
del Ministero della giustizia
e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero della giustizia, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 5).

    Identico
    (Per le modifiche alla Tabella n. 5, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. Le entrate e le spese degli Archivi notarili, per l’anno finanziario 2010, sono stabilite in conformità agli stati di previsione annessi a quello del Ministero della giustizia (Appendice n. 1).

 

    3. Per provvedere alle eventuali deficienze delle assegnazioni di bilancio, è utilizzato lo stanziamento dell’unità previsionale di base «oneri comuni di parte corrente» del programma «giustizia civile e penale», nell’ambito della missione «giustizia» dello stato di previsione della spesa degli Archivi notarili. I prelevamenti da detta unità previsionale di base, nonché le iscrizioni delle somme prelevate nelle competenti unità previsionali di base, sono disposti con decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, su proposta del Ministro della giustizia. Tali decreti sono comunicati al Parlamento in allegato al conto consuntivo degli Archivi stessi.

 

    4. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione delle somme versate dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dalle regioni, dalle province, dai comuni e da altri enti pubblici e privati all’entrata del bilancio dello Stato, in termini di competenza e di cassa, relativamente alle spese per il mantenimento, per l’assistenza e per la rieducazione dei detenuti e internati, nonché per le attività sportive del personale del Corpo di polizia penitenziaria e dei detenuti e internati, nell’ambito delle unità previsionali di base «funzionamento» e «interventi» del programma «amministrazione penitenziaria» e «funzionamento» e «interventi» del programma «giustizia minorile», nell’ambito della missione «giustizia» dello stato di previsione del Ministero della giustizia per l’anno finanziario 2010.

 

Art. 6.

Art. 6.

(Stato di previsione
del Ministero degli affari esteri
e disposizioni relative)

(Stato di previsione
del Ministero degli affari esteri
e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero degli affari esteri, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 6).

    Identico
    (Per le modifiche alla Tabella n. 6, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. È approvato, in termini di competenza e di cassa, il bilancio dell’Istituto agronomico per l’oltremare, per l’anno finanziario 2010, annesso allo stato di previsione del Ministero degli affari esteri (Appendice n. 1).

 

    3. In relazione alle somme affluite all’entrata del bilancio dello Stato per contributi versati da Paesi esteri in applicazione della direttiva 77/486/CEE del Consiglio, del 25 luglio 1977, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione delle somme stesse alle pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero degli affari esteri per l’anno finanziario 2010, perché siano utilizzate per gli scopi per cui tali somme sono state versate.

 

    4. In relazione alle somme affluite all’entrata del bilancio dell’Istituto agronomico per l’oltremare, per anticipazioni e rimborsi di spese per conto di terzi, nonché di organismi internazionali o della Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni all’entrata e alla spesa del suddetto bilancio per l’anno finanziario 2010.

 

    5. Il Ministero degli affari esteri è autorizzato ad effettuare, previe intese con il Ministero dell’economia e delle finanze, operazioni in valuta estera non convertibile pari alle disponibilità esistenti nei conti correnti valuta Tesoro costituiti presso le rappresentanze diplomatiche e gli uffici consolari, ai sensi dell’articolo 5 della legge 6 febbraio 1985, n. 15, e successive modificazioni, e che risultino intrasferibili per effetto di norme o disposizioni locali. Il relativo controvalore in euro è acquisito all’entrata del bilancio dello Stato ed è contestualmente iscritto, sulla base delle indicazioni del Ministero degli affari esteri, nelle pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero medesimo per l’anno finanziario 2010, per l’effettuazione di spese connesse alle esigenze di funzionamento e mantenimento delle sedi diplomatiche e consolari, degli istituti di cultura e delle scuole italiane all’estero. Il Ministero degli affari esteri è altresì autorizzato ad effettuare, con le medesime modalità, operazioni in valuta estera pari alle disponibilità esistenti nei conti correnti valuta Tesoro in valute inconvertibili o intrasferibili individuate, ai fini delle presenti operazioni, dal Dipartimento del tesoro su richiesta della competente Direzione generale del Ministero degli affari esteri.

 

    6. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, su proposta del Ministro degli affari esteri, variazioni compensative in termini di competenza e cassa tra i capitoli allocati nelle unità previsionali di base «funzionamento» e «interventi» del programma «cooperazione allo sviluppo e gestione sfide globali», nell’ambito della missione «l’Italia in Europa e nel mondo» dello stato di previsione del Ministero degli affari esteri, relativamente agli stanziamenti per l’aiuto pubblico allo sviluppo determinati nella Tabella C allegata alla legge finanziaria. Resta fermo quanto previsto dall’articolo 15, comma 9, primo periodo, della legge 26 febbraio 1987, n. 49, e successive modificazioni.

 

Art. 7.

Art. 7.

(Stato di previsione
del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e disposizioni relative)

(Stato di previsione
del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 7).

    Identico

    2. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, su proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, i fondi per oneri di personale e per l’operatività scolastica iscritti nelle unità previsionali di base «oneri comuni di parte corrente» e «investimenti» del programma «fondi da assegnare», nell’ambito della missione «fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

 

    3. Ai fini di una razionale utilizzazione delle risorse di bilancio, il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni compensative, in termini di competenza e di cassa, tra i capitoli relativi al «Fondo per le competenze dovute al personale delle istituzioni scolastiche, con esclusione delle spese per stipendi del personale a tempo indeterminato e determinato» e i capitoli relativi al «Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche», iscritti nelle pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

 

    4. L’assegnazione autorizzata a favore del Consiglio nazionale delle ricerche, per l’anno finanziario 2010, è comprensiva della somma, determinata nella misura massima di 2.582.284 euro, a favore dell’Istituto di biologia cellulare per attività internazionale afferente all’area di Monterotondo.

 

    5. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione delle somme affluite all’entrata del bilancio dello Stato in relazione all’articolo 9 del decreto-legge 17 giugno 1996, n. 321, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 1996, n. 421, alla pertinente unità previsionale di base relativa alla ricerca scientifica dello stato di previsione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

 

    6. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, su proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, le occorrenti variazioni, in termini di competenza e di cassa, tra lo stato di previsione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e gli stati di previsione dei Ministeri interessati in relazione al trasferimento di fondi riguardanti il finanziamento di progetti per la ricerca.

 

    7. Ai fini di una razionale utilizzazione delle risorse di bilancio, il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca è autorizzato ad apportare, con propri decreti, nell’ambito del medesimo titolo, le occorrenti variazioni compensative, in termini di competenza e di cassa, tra i capitoli «spese per il funzionamento della scuola per l’Europa di Parma» e i capitoli «spese per la costruzione della nuova sede della scuola per l’Europa di Parma», iscritti nelle pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

 

    8. In relazione all’andamento gestionale delle spese per competenze fisse e relativi oneri riflessi dovuti al personale della scuola, il Ministro dell’economia e delle finanze, su proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni compensative di bilancio tra i programmi della missione «istruzione scolastica», per i capitoli interessati all’erogazione delle suddette competenze.

 

Art. 8.

Art. 8.

(Stato di previsione
del Ministero dell’interno
e disposizioni relative)

(Stato di previsione
del Ministero dell’interno
e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero dell’interno, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 8).

    Identico
    (Per le modifiche alla Tabella n. 8, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. Le somme versate dal CONI nell’ambito dell’unità previsionale di base «entrate derivanti da servizi resi dalle Amministrazioni statali» (vendita beni e servizi resi da Amministrazioni statali ed altre entrate da riassegnare ai competenti stati di previsione) dello stato di previsione dell’entrata per l’anno 2010 sono riassegnate, con decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, per le spese relative all’educazione fisica, all’attività sportiva e alla costruzione, completamento e adattamento di infrastrutture sportive concernenti il Corpo nazionale dei vigili del fuoco, alle unità previsionali di base «funzionamento» e «investimenti» del programma «prevenzione dal rischio e soccorso pubblico», nell’ambito della missione «soccorso civile» dello stato di previsione del Ministero dell’interno per l’anno finanziario 2010.

 

    3. Nell’elenco n. 1, annesso allo stato di previsione del Ministero dell’interno, sono indicate le spese per le quali possono effettuarsi, per l’anno finanziario 2010, prelevamenti dal fondo a disposizione per la Pubblica sicurezza, di cui all’articolo 1 della legge 12 dicembre 1969, n. 1001, iscritto nell’unità previsionale di base «funzionamento» del programma «pianificazione e coordinamento Forze di polizia», nell’ambito della missione «ordine pubblico e sicurezza».

 

    4. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le variazioni compensative di bilancio anche tra i titoli della spesa dello stato di previsione del Ministero dell’interno, occorrenti per l’attuazione delle disposizioni recate dall’articolo 61 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, e successive modificazioni, dall’articolo 10, comma 11, della legge 13 maggio 1999, n. 133, e successive modificazioni, e dall’articolo 8, comma 5, della legge 3 maggio 1999, n. 124, relative ai trasferimenti erariali agli enti locali.

 

    5. In relazione all’articolo 1, comma 1328, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, al fine di ridurre il costo a carico dello Stato del servizio antincendi negli aeroporti, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a riassegnare, con propri decreti, nello stato di previsione del Ministero dell’interno le somme versate all’entrata del bilancio dello Stato in applicazione delle disposizioni di cui al citato comma 1328 dell’articolo l della predetta legge n. 296 del 2006.

 

    6. Sono autorizzati l’accertamento e la riscossione, secondo le leggi in vigore, delle entrate del Fondo edifici di culto, nonché l’impegno e il pagamento delle spese, relative all’anno finanziario 2010, in conformità agli stati di previsione annessi a quello del Ministero dell’interno (Appendice n. 1).

 

    7. Per gli effetti di cui all’articolo 7 della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni, sono considerate spese obbligatorie e d’ordine del bilancio del Fondo edifici di culto quelle indicate nell’elenco n. 1, annesso al bilancio predetto.

 

    8. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, su proposta del Ministro dell’interno, le occorrenti variazioni, in termini di competenza e di cassa, negli stati di previsione dell’entrata e della spesa del Fondo edifici di culto per l’anno finanziario 2010, conseguenti alle somme prelevate dal conto corrente infruttifero di tesoreria intestato al predetto Fondo, per far fronte alle esigenze derivanti dall’attuazione degli articoli 55 e 69 della legge 20 maggio 1985, n. 222.

 

    9. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, su proposta del Ministro dell’interno, a trasferire agli stati di previsione dei Ministeri interessati le risorse iscritte al capitolo 2313, istituito nell’ambito del programma «garanzia dei diritti e interventi per lo sviluppo della coesione sociale» della missione «immigrazione, accoglienza e garanzia dei diritti» dello stato di previsione del Ministero dell’interno, e al capitolo 2872, istituito nell’ambito del programma «pianificazione e coordinamento Forze di polizia» della missione «ordine pubblico e sicurezza» del medesimo stato di previsione, in attuazione dell’articolo 1, comma 562, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, dell’articolo 34 del decreto-legge 1º ottobre 2007, n. 159, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 2007, n. 222, e dell’articolo 2, comma 106, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.

 

    10. Le somme iscritte nell’apposito fondo istituito ai sensi dell’articolo 17, comma 35-quinquies, del decreto-legge 1º luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, relative alla speciale indennità operativa per il soccorso tecnico urgente, espletato all’esterno dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, non utilizzate al termine dell’esercizio sono conservate nel conto dei residui per essere utilizzate nell’esercizio successivo. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le variazioni di bilancio occorrenti per l’utilizzazione del predetto fondo.

 

Art. 9.

Art. 9.

(Stato di previsione
del Ministero dell’ambiente
e della tutela del territorio e del mare)

(Stato di previsione
del Ministero dell’ambiente
e della tutela del territorio e del mare)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 9).

    Identico
    (Per le modifiche alla Tabella n. 9, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

Art. 10.

Art. 10.

(Stato di previsione
del Ministero delle infrastrutture
e dei trasporti e disposizioni relative)

(Stato di previsione
del Ministero delle infrastrutture
e dei trasporti e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 10).

    Identico
    (Per le modifiche alla Tabella n. 10, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. Ai fini dell’attuazione della legge 15 dicembre 1990, n. 396, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, su altre unità previsionali di base delle amministrazioni interessate le disponibilità del fondo per gli interventi per Roma capitale iscritto nell’ambito dell’unità previsionale di base «investimenti» del programma «politiche urbane e territoriali», nell’ambito della missione «casa e assetto urbanistico» dello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

 

    3. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, le variazioni di competenza e di cassa nello stato di previsione dell’entrata e in quello del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per gli adempimenti previsti dalla legge 6 giugno 1974, n. 298, nonché dall’articolo 10 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 settembre 1994, n. 634, concernente la disciplina dell’ammissione all’utenza del servizio di informatica del centro elaborazione dati del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici.

 

    4. Il numero massimo degli ufficiali ausiliari del Corpo delle capitanerie di porto da mantenere in servizio come forza media nell’anno 2010, ai sensi dell’articolo 21, comma 3, del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215, e successive modificazioni, è stabilito come segue: 250 ufficiali in ferma prefissata o in rafferma, di cui alla lettera c) del comma 1 dell’articolo 21 del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215; 70 ufficiali piloti di complemento, di cui alla lettera b) del comma 1 dell’articolo 21 del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215; 20 ufficiali delle forze di completamento, di cui alla lettera d) del comma 1 dell’articolo 21 del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215.

 

    5. Il numero massimo degli allievi del Corpo delle capitanerie di porto da mantenere alla frequenza dei corsi presso l’Accademia navale e le Scuole sottufficiali della Marina militare, per l’anno 2010, è fissato in 128 unità.

 

    6. Nell’elenco n. 1 annesso allo stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, riguardante il Corpo delle capitanerie di porto, sono descritte le spese per le quali possono effettuarsi, per l’anno finanziario 2010, i prelevamenti dal fondo a disposizione di cui agli articoli 20 e 44 del testo unico delle disposizioni legislative concernenti l’amministrazione e la contabilità dei corpi, istituti e stabilimenti militari, di cui al regio decreto 2 febbraio 1928, n. 263, iscritto nell’unità previsionale di base «funzionamento» del programma «sicurezza e controllo nei mari, nei porti e sulle coste», nell’ambito della missione «ordine pubblico e sicurezza» del medesimo stato di previsione.

 

    7. Ai sensi dell’articolo 2 del regolamento per i servizi di cassa e contabilità delle Capitanerie di porto, di cui al regio decreto 6 febbraio 1933, n. 391, i fondi di qualsiasi provenienza possono essere versati in conto corrente postale dai funzionari delegati.

 

    8. Le disposizioni legislative e regolamentari in vigore presso il Ministero della difesa si applicano, in quanto compatibili, alla gestione dei fondi delle unità previsionali di base delle Capitanerie di porto in relazione alla legge 6 agosto 1991, n. 255. Alle spese per la manutenzione e l’esercizio dei mezzi nautici, terrestri e aerei e per attrezzature tecniche, materiali e infrastrutture occorrenti per i servizi tecnici e di sicurezza dei porti e delle caserme delle Capitanerie di porto, di cui all’unità previsionale di base «funzionamento» del programma «sicurezza e controllo nei mari, nei porti e sulle coste», nell’ambito della missione «ordine pubblico e sicurezza» dello stato di previsione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, si applicano, per l’anno finanziario 2010, le disposizioni contenute nel secondo comma dell’articolo 36 e nell’articolo 61-bis del regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, e successive modificazioni, sulla contabilità generale dello Stato.

 

Art. 11.

Art. 11.

(Stato di previsione
del Ministero della difesa
e disposizioni relative)

(Stato di previsione
del Ministero della difesa
e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero della difesa, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 11).

    1. Identico.
    (Per le modifiche alla Tabella n. 11, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. Il numero massimo degli ufficiali ausiliari da mantenere in servizio come forza media nell’anno 2010, ai sensi dell’articolo 21, comma 3, del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215, e successive modificazioni, è stabilito come segue:

    2.  Identico.

        a) ufficiali ausiliari di cui alle lettere a) e c) dell’articolo 21, comma 1, del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215:

 

            1)  Esercito n. 67;

 

            2)  Marina n. 4;

 

            3)  Aeronautica n. 56;

 

            4)  Carabinieri n. 44;

 

        b) ufficiali ausiliari piloti di complemento di cui alla lettera b) dell’articolo 21, comma 1, del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215:

 

            1)  Esercito n. 5;

 

            2)  Marina n. 143;

 

            3)  Aeronautica n. 83;

 

        c) ufficiali ausiliari delle forze di completamento di cui alla lettera d) dell’articolo 21, comma 1, del decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215:

 

            1)  Esercito n. 59;

 

            2)  Marina n. 25;

 

            3)  Aeronautica n. 20.

 

    3. La consistenza organica degli allievi ufficiali dell’Arma dei carabinieri presso l’Accademia, di cui all’articolo 6, comma 1-bis, del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 298, è fissata, per l’anno 2010, in 102 unità.

    3.  Identico.

    4. La forza organica dei graduati e militari di truppa in ferma volontaria dell’Esercito a norma dell’articolo 9, terzo comma, della legge 10 giugno 1964, n. 447, è fissata, per l’anno 2010, in 895 unità.

    4.  Identico.

    5. La forza organica dei sottocapi e comuni del Corpo degli equipaggi militari marittimi in ferma volontaria a norma del settimo comma dell’articolo 2 del regio decreto-legge 1º luglio 1938, n. 1368, come sostituito dall’articolo 18 della legge 10 giugno 1964, n. 447, è fissata, per l’anno 2010, in 537 unità.

    5.  Identico.

    6. La forza organica dei graduati e militari di truppa dell’Aeronautica in ferma volontaria a norma dell’articolo 27, terzo comma, della legge 10 giugno 1964, n. 447, e successive modificazioni, è fissata, per l’anno 2010, in 536 unità.

    6.  Identico.

    7. Alle spese per accordi internazionali, specificamente afferenti alle infrastrutture multinazionali NATO, di cui alle unità previsionali di base «interventi» dei programmi «funzioni non direttamente collegate ai compiti di difesa militare» e «pianificazione generale delle Forze Armate e approvvigionamenti militari», nonché per l’ammodernamento e il rinnovamento, di cui alle unità previsionali di base «funzionamento» dei programmi «approntamento e impiego Carabinieri per la difesa e la sicurezza», «approntamento e impiego delle forze terrestri», «approntamento e impiego delle forze navali», «approntamento e impiego delle forze aeree» e «pianificazione generale delle Forze Armate e approvvigionamenti militari», nell’ambito della missione «difesa e sicurezza del territorio» dello stato di previsione del Ministero della difesa, si applicano, per l’anno 2010, le disposizioni contenute nel secondo e terzo comma dell’articolo 36 e nell’articolo 61-bis del regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, e successive modificazioni, sulla contabilità generale dello Stato.

    7.  Identico.

    8. Alle spese per le infrastrutture multinazionali NATO, sostenute a carico dell’unità previsionale di base «interventi» del programma «funzioni non direttamente collegate ai compiti di difesa militare» e delle unità previsionali di base «interventi» e «investimenti» del programma «pianificazione generale delle Forze Armate e approvvigionamenti militari», nell’ambito della missione «difesa e sicurezza del territorio» dello stato di previsione del Ministero della difesa, si applicano le procedure NATO di esecuzione delle gare internazionali emanate dal Consiglio atlantico. Deve essere in ogni caso garantita la trasparenza delle procedure di appalto, di assegnazione e di esecuzione dei lavori, ai sensi della legge 13 settembre 1982, n. 646. Alle spese medesime non si applicano le disposizioni dell’articolo 2 del decreto legislativo 28 dicembre 1998, n. 496.

    8.  Identico.

    9. Negli elenchi nn. 1 e 2 annessi allo stato di previsione del Ministero della difesa sono descritte le spese per le quali possono effettuarsi, per l’anno finanziario 2010, i prelevamenti dai fondi a disposizione relativi alle tre Forze armate e all’Arma dei carabinieri, di cui agli articoli 20 e 44 del testo unico delle disposizioni legislative concernenti l’amministrazione e la contabilità dei corpi, istituti e stabilimenti militari, di cui al regio decreto 2 febbraio 1928, n. 263, e all’articolo 7 della legge 22 dicembre 1932, n. 1958, iscritti nell’unità previsionale di base «funzionamento» del programma «fondi da assegnare», nell’ambito della missione «fondi da ripartire».

    9.  Identico.

 

    10. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, su proposta del Ministro della difesa, le variazioni compensative di bilancio, in termini di competenza e di cassa, occorrenti per dare attuazione alle disposizioni di cui all’articolo 65 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133.

Art. 12.

Art. 12.

(Stato di previsione
del Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali e disposizioni relative)

(Stato di previsione
del Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 12).

    Identico
    (Per le modifiche alla Tabella n. 12, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio tra gli stati di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e delle amministrazioni interessate, in termini di residui, competenza e cassa, ai sensi dell’articolo 31 della legge 6 dicembre 1991, n. 394, e successive modificazioni, dell’articolo 77 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, nonché per l’attuazione del decreto legislativo 4 giugno 1997, n. 143, concernente il conferimento alle regioni delle funzioni amministrative in materia di agricoltura e pesca e la riorganizzazione dell’Amministrazione centrale.

 

    3. Per l’attuazione del decreto legislativo 26 maggio 2004, n. 154, e del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 100, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, nell’ambito della parte corrente e nell’ambito del conto capitale dello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, per l’anno finanziario 2010, le variazioni compensative di bilancio, in termini di competenza e di cassa, occorrenti per la modifica della ripartizione dei fondi tra i vari settori d’intervento del Programma nazionale della pesca e dell’acquacoltura.

 

    4. Per l’anno finanziario 2010, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, al trasferimento delle somme iscritte al capitolo 2827 nell’unità previsionale di base «interventi» del programma «fondi da assegnare», nell’ambito della missione «fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, alle competenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per l’anno medesimo, secondo la ripartizione percentuale indicata all’articolo 24, comma 2, della legge 11 febbraio 1992, n. 157.

 

    5. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, tra le pertinenti unità previsionali di base relative ad investimenti le somme iscritte, per residui, competenza e cassa, nell’unità previsionale di base «investimenti» del programma «fondi da assegnare», nell’ambito della missione «fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, in attuazione della legge 23 dicembre 1999, n. 499, concernente razionalizzazione degli interventi nei settori agricolo, agroalimentare, agroindustriale e forestale.

 

    6. Ai fini dell’attuazione del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228, recante norme per l’orientamento e la modernizzazione del settore agricolo, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, su proposta del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, gli appositi fondi iscritti nello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

 

    7. Per l’anno finanziario 2010, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, su proposta del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, alla riassegnazione alle pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali delle somme versate in entrata dall’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA) a titolo di rimborso al Corpo forestale dello Stato per i controlli effettuati ai sensi del regolamento (CE) n. 885/2006 della Commissione, del 21 giugno 2006.

 

    8. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione alle pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per l’anno finanziario 2010 delle somme versate all’entrata del bilancio dello Stato dalle amministrazioni ed enti pubblici per essere destinate al Corpo forestale dello Stato in virtù di accordi di programma, convenzioni e intese per il raggiungimento di finalità comuni in materia di lotta contro gli incendi boschivi, monitoraggio e protezione dell’ambiente, tutela e salvaguardia delle riserve naturali statali affidate al Corpo medesimo.

 

    9. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione delle somme versate all’entrata del bilancio dello Stato dal CONI e da altri enti pubblici e privati, destinate alle attività sportive del personale del Corpo forestale dello Stato, alle pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per l’anno finanziario 2010.

 

Art. 13.

Art. 13.

(Stato di previsione del Ministero per i beni e le attività culturali e disposizioni relative)

(Stato di previsione del Ministero per i beni e le attività culturali e disposizioni relative)

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero per i beni e le attività culturali, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 13).

    Identico
    (Per le modifiche alla Tabella n. 13, si veda la Seconda Nota di Variazioni)

    2. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, su proposta del Ministro per i beni e le attività culturali, rispettivamente nell’ambito dell’unità previsionale di base «interventi» e nell’ambito dell’unità previsionale di base «investimenti» dello stato di previsione del Ministero per i beni e le attività culturali, per l’anno finanziario 2010, le variazioni compensative di bilancio, in termini di residui, di competenza e di cassa, del programma «sostegno, valorizzazione e tutela del settore dello spettacolo» di cui alla missione «tutela e valorizzazione dei beni e attività culturali e paesaggistici».

 

 

Art. 14.

 

(Stato di previsione del Ministero
della salute e disposizioni relative)

 

    1. Sono autorizzati l’impegno e il pagamento delle spese del Ministero della salute, per l’anno finanziario 2010, in conformità all’annesso stato di previsione (Tabella n. 14).

 

    2. Alle spese di cui al capitolo 4310 dell’unità previsionale di base «interventi» del programma «prevenzione, assistenza, indirizzo e coordinamento internazionale in materia sanitaria umana», nell’ambito della missione «tutela della salute», nonché al capitolo 3398, piano gestionale 1, dell’unità previsionale di base «interventi» del programma «ricerca per il settore della sanità pubblica e zooprofilattico», nell’ambito della missione «ricerca e innovazione», dello stato di previsione del Ministero della salute si applicano, per l’anno finanziario 2010, le disposizioni contenute nel secondo comma dell’articolo 36 del regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, e successive modificazioni, sulla contabilità generale dello Stato.

 

    3. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione delle somme versate in entrata dalle Federazioni nazionali degli ordini e dei collegi sanitari per il funzionamento della Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie alla pertinente unità previsionale di base dello stato di previsione del Ministero della salute per l’anno finanziario 2010.

 

    4. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, su proposta del Ministro della salute, tra le pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero della salute, per l’anno finanziario 2010, i fondi per il finanziamento delle attività di ricerca e sperimentazione dell’unità previsionale di base «interventi» del programma «ricerca per il settore della sanità pubblica e zooprofilattico», nell’ambito della missione «ricerca e innovazione» dello stato di previsione del Ministero della salute, in relazione a quanto disposto dall’articolo 12, comma 2, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni.

 

    5. Ai fini dell’attuazione dell’articolo 4-bis del decreto-legge 29 dicembre 2000, n.  393, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2001, n. 27, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire, con propri decreti, su proposta dei Ministri della salute, dell’interno e della difesa, tra le pertinenti unità previsionali di base degli stati di previsione dei Ministeri della salute, dell’interno e della difesa il «Fondo da ripartire per la realizzazione di una campagna di monitoraggio sulle condizioni sanitarie dei cittadini italiani impegnati nell’area Bosnia-Erzegovina e Kosovo, nonché per il controllo delle sostanze alimentari importate dalla predetta area» dell’unità previsionale di base «oneri comuni di parte corrente» del programma «fondi da assegnare» nell’ambito della missione «fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero della salute per l’anno finanziario 2010.

 

    6. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, su proposta del Ministro della salute, alle variazioni di bilancio tra le pertinenti unità previsionali di base dello stato di previsione del Ministero della salute per l’anno finanziario 2010, occorrenti per l’attuazione delle norme contenute nell’articolo 48 del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n.  326, e successive modificazioni.

Art. 14.

Art. 15.

(Totale generale della spesa)

(Totale generale della spesa)

    1. È approvato, in euro 795.303.967.118 in  termini di competenza e in euro 816.480.637.322 in termini di cassa, il totale generale della spesa dello Stato per l’anno finanziario 2010.

    1. È approvato, in euro 801.798.067.118 in  termini di competenza e in euro 822.974.737.322 in termini di cassa, il totale generale della spesa dello Stato per l’anno finanziario 2010.

Art. 15.

Art. 16.

(Quadro generale riassuntivo)

(Quadro generale riassuntivo)

    1. È approvato, in termini di competenza e di cassa, il quadro generale riassuntivo del bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2010, con le tabelle allegate.

    Identico

Art. 16.

Art. 17.

(Disposizioni diverse)

(Disposizioni diverse)

    1. Per l’anno finanziario 2010, le spese considerate nelle unità previsionali di base dei singoli stati di previsione per le quali il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad effettuare, con propri decreti, variazioni tra loro compensative, rispettivamente, per competenza e cassa, sono quelle indicate nella Tabella A allegata alla presente legge.

    Identico

    2. In relazione all’accertamento dei residui di entrata e di spesa per i quali non esistono nel bilancio di previsione i corrispondenti capitoli nell’ambito delle unità previsionali di base, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad istituire gli occorrenti capitoli nelle pertinenti unità previsionali di base, anche di nuova istituzione, con propri decreti da comunicare alla Corte dei conti.

 

    3. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a trasferire, con propri decreti, in termini di residui, competenza e cassa, dall’unità previsionale di base relativa al «Fondo per i programmi regionali di sviluppo» dello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico per l’anno finanziario 2010 alle pertinenti unità previsionali di base dei Ministeri interessati, le quote da attribuire alle regioni a statuto speciale, ai sensi del quinto comma dell’articolo 126 del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616.

 

    4. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, in termini di competenza e di cassa, le variazioni compensative di bilancio occorrenti per l’attuazione di quanto disposto dall’articolo 13 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, concernente disciplina delle imprese editrici e provvidenze per l’editoria.

 

    5. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a trasferire, in termini di competenza e di cassa, con propri decreti, su proposta dei Ministri interessati, le disponibilità esistenti su altre unità previsionali di base degli stati di previsione delle amministrazioni competenti a favore di apposite unità previsionali di base destinate all’attuazione di interventi cofinanziati dalla Unione europea.

 

    6. In relazione ai provvedimenti di riordino delle amministrazioni pubbliche, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, comunicati alle Commissioni parlamentari competenti, le variazioni di bilancio in termini di residui, competenza e cassa, l’istituzione, la modifica e la soppressione di unità previsionali di base.

 

    7. Su proposta del Ministro competente, con decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, da comunicare alle Commissioni parlamentari competenti, negli stati di previsione della spesa che nell’esercizio 2009 e in quello in corso siano stati interessati dai processi di ristrutturazione di cui al comma 6, nonché previsti da altre normative vigenti, possono essere effettuate variazioni compensative, in termini di residui, di competenza e di cassa, tra capitoli delle unità previsionali di base, fatta eccezione per le autorizzazioni di spesa di natura obbligatoria, per le spese in annualità e a pagamento differito e per quelle direttamente regolate con legge, nonché tra capitoli di unità previsionali di base dello stesso stato di previsione limitatamente alle spese di funzionamento per oneri relativi a movimenti di personale e per quelli strettamente connessi con la operatività delle amministrazioni.

 

    8. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le variazioni di bilancio connesse con l’attuazione dei contratti collettivi nazionali di lavoro del personale dipendente dalle Amministrazioni dello Stato, stipulati ai sensi dell’articolo 40 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, nonché degli accordi sindacali e dei provvedimenti di concertazione, adottati ai sensi dell’articolo 2 del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 195, e successive modificazioni, per quanto concerne il trattamento economico fondamentale e accessorio del personale interessato.

 

    9. Gli stanziamenti iscritti in bilancio per l’esercizio 2010, relativamente ai fondi destinati all’incentivazione del personale civile dello Stato, delle Forze armate, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e dei Corpi di polizia, nonché quelli per la corresponsione del trattamento economico accessorio del personale dirigenziale, non utilizzati alla chiusura dell’esercizio sono conservati nel conto dei residui per essere utilizzati nell’esercizio successivo. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le variazioni di bilancio occorrenti per l’utilizzazione dei predetti fondi conservati.

 

    10. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione, negli stati di previsione delle amministrazioni statali interessate, delle somme rimborsate dalla Commissione europea per spese sostenute dalle amministrazioni medesime a carico delle pertinenti unità previsionali di base dei rispettivi stati di previsione, affluite al fondo di rotazione di cui all’articolo 5 della legge 16 aprile 1987, n. 183, e successivamente versate all’entrata del bilancio dello Stato.

 

    11. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, variazioni di bilancio negli stati di previsione delle amministrazioni interessate, occorrenti per l’attuazione dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri emanati in relazione all’articolo 7 della legge 15 marzo 1997, n. 59, e successive modificazioni, e ai decreti legislativi concernenti il conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni e agli enti locali, in attuazione del capo I della suddetta legge 15 marzo 1997, n. 59.

 

    12. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, nelle pertinenti unità previsionali di base, anche di nuova istituzione, degli stati di previsione delle amministrazioni interessate, le variazioni di bilancio occorrenti per l’applicazione del decreto legislativo 18 febbraio 2000, n. 56, concernente disposizioni in materia di federalismo fiscale, a norma dell’articolo 10 della legge 13 maggio 1999, n. 133.

 

    13. In relazione alle disposizioni di cui all’articolo 4, comma 12, del contratto integrativo del contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto dei Ministeri, sottoscritto in data 16 febbraio 1999, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 142 del 21 giugno 2001, concernente l’assegnazione temporanea di personale ad altra amministrazione in posizione di comando, il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le variazioni di bilancio nell’ambito delle pertinenti unità previsionali di base delle amministrazioni interessate, occorrenti per provvedere al pagamento del trattamento economico al personale comandato a carico dell’amministrazione di destinazione.

 

    14. Per l’anno finanziario 2010, al fine di agevolare il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica, con decreti del Ministro dell’economia e delle finanze, su proposta del Ministro competente, da comunicare alle Commissioni parlamentari competenti e da inviare alla Corte dei conti per la registrazione, possono essere effettuate variazioni compensative tra capitoli delle unità previsionali appartenenti alla medesima missione di ciascuno stato di previsione della spesa, fatta eccezione per le autorizzazioni di spesa di natura obbligatoria, per le spese in annualità e a pagamento differito e per quelle direttamente regolate con legge. Per le medesime finalità e per la migliore flessibilità gestionale del bilancio, il Ministro dell’economia e delle finanze, su proposta del Ministro competente, è autorizzato ad apportare, con propri decreti da inviare alla Corte dei conti per la registrazione, variazioni compensative in termini di cassa, nell’ambito di ciascun titolo di bilancio, tra capitoli delle unità previsionali di base del medesimo stato di previsione.

 

    15. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a provvedere, con propri decreti, alla riassegnazione negli stati di previsione delle amministrazioni interessate, per l’anno finanziario 2010, delle somme versate all’entrata a titolo di contribuzione alle spese di gestione degli asili nido istituiti presso le amministrazioni statali ai sensi dell’articolo 70, comma 5, della legge 28 dicembre 2001, n. 448.

 

    16. I Ministri competenti, nell’ambito dei programmi concernenti i propri stati di previsione, sono autorizzati ad effettuare, con propri decreti da comunicare al Ministero dell’economia e delle finanze, anche con evidenze informatiche, eventuali variazioni compensative per la stessa categoria economica tra i capitoli di spese discrezionali relativi ai programmi medesimi, allocati nei diversi centri di responsabilità amministrativa. Le variazioni medesime non devono comportare alterazioni dei saldi di indebitamento netto e fabbisogno.

 

    17. Per l’anno finanziario 2010, le unità previsionali di base sono individuate nell’allegato alla presente legge.

 

Art. 17.

Art. 18.

(Bilancio pluriennale)

(Bilancio pluriennale)

    1. È approvato, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 4 della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni, il bilancio pluriennale dello Stato e delle aziende autonome per il triennio 2010-2012, nelle risultanze di cui alle tabelle allegate alla presente legge, nonché agli allegati n. 1 e n. 2 agli stati di previsione della spesa.

    Identico

 

Tabella A

Tabella A


        Unità previsionali di base del bilancio di previsione dello Stato per l’anno 2010 per le quali il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad effettuare variazioni tra loro compensative.


        Unità previsionali di base del bilancio di previsione dello Stato per l’anno 2010 per le quali il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad effettuare variazioni tra loro compensative.

Stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze:

        Identico

          1.1.5    –  Oneri del debito pubblico (capp. 4015 e 4016);

 

          1.5.2    –  Interventi (capp. 3810, 3811, 3812, 3813 e 3814);

 

          2.4.2    –  Interventi (capp. 2700 e 2702);

 

          3.1.2    –  Interventi (capp. 2751 e 2752);

 

        26.1.5  –  Oneri del debito pubblico (capp. 2214, 2215, 2216, 2219, 2221, 2316 e 3100).

 

Stato di previsione del Ministero degli affari esteri:

 

        –1.4.1  –  Funzionamento (capp. 1501 e 1503);

 

          1.7.1  –  Funzionamento (capp. 2502 e 2503).

 

Seguono quadri riassuntivi in formato PDF (1.037 Kb)


torna su